Antonio D'Aveni Davide Faraone
Da sinistra: Gaetano Carella, Antonio D'Aveni, Davide Faraone, Eligio Giardina e Pina Raneri

«Le parole del sottosegretario Faraone ci rassicurano e ci spingono ad andare avanti con ancor maggiore determinazione sulla preparazione del G7». Così il presidente del Consiglio comunale, Antonio D’Aveni commenta con toni positivi l’esito dell’incontro delle scorse ore a Palazzo dei Giurati con il sottosegretario di Stato, Davide Faraone, che ha preannunciato una “mobilitazione totale” del Governo per le operazioni di preparazione del vertice dei potenti del pianeta in agenda a Taormina il 26 e 27 maggio 2017.

Le parole di D’Aveni. «E’ sempre un fatto positivo il potersi confrontare con figure di questo spessore – ha detto D’Aveni – Ho spiegato al sottosegretario Faraone che a noi in particolare, oltre le problematiche inerenti le opere ed infrastrutture, importa soprattutto che venga difeso l’ospedale San Vincenzo. Ed in tal senso ho relazionato sull’azione che intendiamo fare a difesa del presidio ospedaliero di questo territorio, che a pieno titolo va considerato un’eccellenza nella sanità siciliana e del Sud Italia. Ho espresso i miei dubbi sul decreto Balduzzi che sta penalizzando oltremodo la rete ospedaliera di questa provincia e nello specifico il nostro ospedale. Ci sentiamo depredati a Taormina e quando c’è da togliere si va sempre a colpire il “San Vincenzo”. Ad ogni modo – conclude D’Aveni – sul G7 mi ha colpito la parola “compensazione” usata dal sottosegretario quando si riferiva alla necessaria pianificazione di interventi sul territorio. Interventi appunto da lui definiti di “compensazione” in riferimento anche ai disagi che si renderanno necessari per la predisposizione dell’evento. E’ una dichiarazione importante, quella di Faraone, poiché sino a questo momento ci siamo sentiti quasi a disagio nel chiedere la sistemazioni di alcune zone della città ed invece ci siamo resi conto che è un nostro diritto. La dichiarazione del sottosegretario è un fatto significativo ed altamente rassicurante per la comunità di Taormina».

© Riproduzione Riservata

Commenti