Mostra acquerelli Casa Cuseni
Mostra acquerelli Casa Cuseni

La forza dei luoghi, la leggerezza della tecnica. Un tour sulle sponde esotiche del Mediterraneo attraverso lo sguardo dei più celebri viaggiatori del Novecento nella collezione di oltre cinquecento acquerelli in mostra a Casa Cuseni dal 17 al 30 settembre. Un’esposizione di antichi acquarelli, una delle collezione tra le più importanti in Europa, interamente di proprietà del Museo di Casa Cuseni, perfetta testimonianza del Grand Tour inglese in Sicilia e in terra d’Oriente.

Testimonianza del Grand Tour. Da Londra ad Istanbul, passando per Venezia, Roma, Napoli e Taormina, spingendosi sino alle piramidi di Giza, sostando sotto la sfinge per riposarsi e per giungere al tempio rupestre di Abu-Simbel, e poi ancora, verso Tunisi, Algeri, verso i templi indiani di Karnataka, per ritornare a Taormina e ripartire in cerca di luoghi nuovi da ritrarre in Spagna, in Francia, in Italia, fermando il pennello sulle merlature scaligere di Verona, sul Colosseo, e poi ancora giù verso Napoli, verso Capri ed Ischia, per incontrare Wilhelm von Pluschow, ed attendere il vaporetto che lo avrebbe riportato in Terra d’Oriente mettendo insieme un colossale reportage dei suoi numerosi viaggi, spesso accompagnato da Sir Frank Brangwyn e da Sir Alfred East, ma anche da Sir Cecil Arthur Hunt, da John Wrigh, da P. Wilson Steer e da George Clausen. Un corpo di oltre cinquecento acquarelli firmati dai più celebri viaggiatori del novecento. Centinaia i luoghi ritratti, dalle processioni siciliane alle carovane del deserto, per un magnifico e fantastico tour in un mondo forse perduto per sempre ma che per un momento rivivrà nelle collezioni di Casa.

© Riproduzione Riservata

Commenti