Giardini Naxos, Torrente Santa Venera
Giardini Naxos, Torrente Santa Venera

Il Comune di Giardini Naxos impegna 16 mila euro dal bilancio di Palazzo dei Naxioti per l’esecuzione di lavori di messa in sicurezza del torrente Santa Venera. Il corso d’acqua, sito al confine tra Giardini, Taormina e Castelmola rappresenta da sempre una “bomba ad orologeria” in concomitanza con le piogge, in particolare nella fase di mezzo tra gli acquazzoni di fine estate e l’arrivo dei mesi della bassa stagione. Le opere sono state affidate all’impresa Building & Tourist Srl di Giardini Naxos.

Pericolo e prevenzione. Proprio il torrente “Santa Venera” ha rappresentato a più riprese un pericolo per l’abitato in zona e la casa municipale diretta dal sindaco Nello Lo Turco ha perciò disposto l’immediata rimozione dei canneti siti lungo l’alveo. Altri lavori erano stati sempre previsti dal Comune di Giardini Naxos nei giorni scorsi anche per il torrente San Giovanni con apposito provvedimento che ha previsto lo stanziamento di 48 mila. L’obiettivo del Comune di Giardini è quello di precedere, in sostanza, l’azione dei temporali, a partire dal periodo che tradizionalmente appare il più imprevedibile in termini di impatto sul territorio, e cioè quello di settembre-ottobre. Un’azione di carattere preventivo appare indispensabile per mitigare i rischi e per impedire che si ripetano situazioni analoghe a quelle del recente passato, quando si verificò anche l’esondazione del torrente San Giovanni e quando il torrente Sirina scaraventò in mare una jeep. Riflettori puntati sui torrente e l’auspicio è che stavolta si rischia ad anticipare la “furia” delle piogge e a rendere tempestivamente più pulito l’alveo dei torrenti, dove troppo spesso si può notare di tutto e di più.

© Riproduzione Riservata

Commenti