Giardini Naxos, plesso scolastico di Pallio
Giardini Naxos, plesso scolastico di Pallio

«I lavori alla scuola di Pallio non sono ancora iniziati, ci sono dei cantieri aperti negli altri plessi cittadini e non so come dovremo iniziare l’anno scolastico. Certamente le responsabilità di questa situazione non sono da ricondurre alla sottoscritta e ai nostri uffici. Ho già informato il Prefetto di Messina sull’esatto stato odierno delle cose». Così la dott.ssa Maria Concetta D’Amico, dirigente dell’Istituto Comprensivo di Giardini Naxos, a pochi giorni dall’avvio delle lezioni, fa il punto sugli edifici scolastici, si sofferma sulla problematica di inagibilità della Materna ed Elementare di Pallio, quindi allarga il campo su altre analoghe criticità in atto. La dirigente non nasconde il suo disappunto verso il Comune e si mostra preoccupata sullo scenario delle prossime settimane.

La situazione del plesso di Pallio. «I lavori di sistemazione della scuola di Pallio? Non sono ancora partiti – spiega la dott.ssa D’Amico – e al momento non ho alcuna certezza sulla tempistica di queste opere. Non ho avuto comunicazioni dall’Amministrazione in tal senso. I problemi non riguardano soltanto Pallio: ad oggi abbiamo un cantiere aperto alla Scuola Media “Capuana”, alla Materna ed Elementare di Schisò, ed anche alla Materna ed Elementare di Calcarone. Disponiamo di un verbale di consegna dei lavori solo per i plessi di Calcarone e Schisò e per la “Capuana”, mentre per la scuola di Pallio ho solo una nota degli uffici nella quale non vengono specificate le date di inizio e fine lavori. E’ del tutto evidente che non sono queste le condizioni ideali per poter avviare un nuovo anno scolastico, per lo più in una realtà come quella di Giardini Naxos che ha una sua dignità, merita rispetto e la dovuta considerazione. Non possiamo essere considerati allo stregua di un paesino di periferia».

Dubbi e sospetti. Poi la dirigente torna sulle frizioni in atto con i vertici di Palazzo dei Naxioti: «La comunicazione che la scuola di Pallio sarebbe stata chiusa è stata fatta pervenire alla sottoscritta il 10 agosto – continua la preside -, ad un mese dall’inizio dell’anno scolastico. Non vorrei che forse qualcuno abbia intenzione di chiudere questa scuola in via definitiva e che, di riflesso, ci sia una volontà di espandere l’Istituto Comprensivo 1 di Taormina ed i relativi locali di Trappitello. Lo ribadisco a chiare lettere: Giardini Naxos ha un Istituto Comprensivo che può essere, a pieno titolo, un punto di riferimento per la comunità scolastica della zona, e non può essere mortificato così. Sto cercando di mandare avanti questo Istituto, col senso di responsabilità e con l’impegno che ha sempre contraddistinto l’operato di questa dirigenza e tutti i miei collaboratori. Ritengo perciò ingiusto e ingeneroso che poi si provi a far ricadere le colpe su di noi che stiamo affrontando questo stato di cose e ci stiamo mettendo la faccia ogni giorno. Mi sarei aspettata un rapporto di dialogo e collaborazione con l’Amministrazione. Il persistere delle difficoltà di interlocuzione, certamente non dovute a noi, non aiuta a risolvere i problemi».

Incertezza. «I genitori degli studenti di Pallio mi chiedono dove inizieremo l’anno scolastico, in quali locali. E’ una domanda alla quale oggi non è semplice rispondere. Stiamo cercando di capire come arrivare ad una soluzione anche provvisoria ma funzionale e idonea. Al momento, tenendo conto della vicenda di Pallio e degli altri cantieri aperti, gli unici locali pienamente funzionali di cui dispone il nostro Istituto sono quelli di Abate Cacciola, sede della direzione scolastica a Giardini Naxos, e i locali di Gaggi, dove si trovano la Materna, la Elementare e la Media. A Pallio il Comune deve ripristinare il contro-soffitto e la guaina di impermeabilizzazione all’esterno dei locali: al momento non mi risulta che questi lavori siano iniziati. Si potrebbe anche fare lezione lì se ci fosse un’accelerazione negli interventi di cui necessita l’immobile. Ho già scritto al Prefetto di Messina, notiziandolo in maniera dettagliata sullo stato delle cose e nella qualità di dirigente scolastico sto informando tutti gli enti ed uffici preposti. I disagi che stiamo vivendo sono enormi».

L’iter prosegue. I prossimi giorni si preannunciano, insomma, cruciali soprattutto per fare chiarezza sulla scuola materna ed elementare di Pallio. Nei giorni scorsi la casa municipale ha nominato il geometra Croce Gino La Rocca progettista e direttore dei lavori, e responsabile del procedimento il geometra Corrado Ravidà (responsabile del IV Settore di Palazzo dei Naxioti) per «l’esecuzione di interventi urgenti sul patrimonio scolastico in oggetto alla scuola materna ed elementare Pallio». E’ stata poi, esitata la perizia per le opere da porre in essere con relativo impegno di spesa previsto e quantificato in 49 mila 780 euro. I lavori sono stati affidati ad una ditta di Giardini Naxos. Si attendono anche gli esiti delle prove di laboratorio disposte dalla casa municipale.

© Riproduzione Riservata

Commenti