Azienda Municipale ASM. Manuli: «Riportare nell’alveo Comunale la struttura»

0
1054

Egregio Sindaco, egregio signor presidente, da notizie apparse sulla stampa locale, e riportate da Fb e altri social, apprendo che sussiste la volontà di proseguire l’assurdo rito della liquidazione, che in questi cinque anni è stata onerosa, se non di più, spesa di cui Lei e la giunta siete pienamente consapevoli e a conoscenza e purtroppo anche silenti. Le rammento che nel breve periodo in cui sono stato suo esperto, oltre ai consigli dati per la tutela del territorio P.R.G, e regolamento suoli pubblici, (naturalmente non seguiti da decisioni) avevo sollecitato la risoluzione di questo “bubbone” (congiuntamente alla regolarizzazione dell’Ente Rete Fognante) che stava e sta nel riportare nell’alveo Comunale la struttura spiegandole i benefici che questa operazione avrebbe dato alle asfittiche casse Comunali.

Ricordo a Lei e alla sua Giunta che l’azienda è soggetta al patto di stabilità interno, e ha l’obbligo di depositare il bilancio alla Camera di Commercio. Risulta inoltre che l’azienda, negli ultimi anni, o peggio da sempre, non abbia predisposto e neanche sottoposto all’approvazione del Consiglio atti determinanti, obbligatori come:
1. piano programma (art 38 DPR n.902/1986
2. bilancio pluriennale di previsione (art 39 DPR n. 902/1986)
3. bilancio preventivo economico annuale (art 40, DPR 902/1986)
4. Bilancio Consuntivo (art. 42, DPR n. 902/1986)

Pare e da quanto viene asserito nei Consigli comunali, emerge che solo i consuntivi (nota delle spese effettuate) siano stati sottoposti al Consiglio Comunale che, pur tuttavia, non li
ha mai esitati adducendo ragioni varie e a volte speciose; la realtà è che dal 2011 le note spesa della municipalizzate non sono state approvate! Se quanto sopra succintamente accennato risponde a vero, lo è, infatti solo uno dei 4 obblighi è stato formalmente adempiuto dalla Municipalizzata (nota spese non “approvata” dal consiglio) Lei e il suo esecutivo deve dare corso a quanto prevede la norma, sciogliere la municipalizzata e riportarla nell’alveo Comunale. Per sua maggiore conoscenza, di recente una normativa dispone che i Comuni con meno di 32mila abitanti non possono avere una municipalizzata… e se l’hanno devono provvedere di conseguenza…

Egregio Sindaco, questo gioco è durato troppo con le conseguenze che Lei ben conosce, è giunto il momento di agire secondo le disposizioni vigenti, nell’interesse della città tutta.

Giuseppe Manuli,
già esperto del Sindaco per brevissimo periodo

SHARE