Foto panoramica di Taormina - Foto Franco Motta © 2016
Foto panoramica di Taormina - Foto Franco Motta © 2016

Procedono le “grandi manovre” in vista del G7 in agenda il prossimo anno a Taormina. Il presidente dell’Associazione Albergatori di Taormina, Italo Mennella, ha riunito qualche giorno fa gli operatori economici che gestiscono le strutture ricettive nella Perla dello Ionio e nell’occasione è stato fatto il punto della situazione sulle attività di preparazione al vertice previsto per il 26 e 27 maggio 2017.

Organizzazione logistica. «Agli albergatori – spiega Mennella – sono state ufficialmente comunicate le richieste fatte dal Ministero degli Affari Esteri. Ci stiamo muovendo d’intesa proprio con il Ministero e con la Questura di Messina ed il Commissariato di Polizia di Taormina, ed ovviamente anche in sinergia con il Comune di Taormina. La nostra associazione ha già attivato da qualche settimana due apposite linee interne, operative 24 ore al giorno, per gli addetti ai lavori che serviranno proprio alla pianificazione di tutto ciò che concerne le ospitalità. Logicamente al momento vige massima riservatezza su quanto si sta predisponendo e non possiamo rivelare i dettagli ma possiamo rassicurare sul fatto che tutto sta procedendo con la massima attenzione e con tutta la dovuta cura di ogni particolare che occorre per l’ospitalità di un evento di rilevanza mondiale.

L’attesa. Si parla di un impegno, ad ogni modo, riguardante migliaia di posti letto nell’intero comprensorio che verranno occupati durante il G7 (e sin dai giorni precedenti) per tutti coloro che, a vario titolo, saranno impegnati nel prestigioso appuntamento di politica internazionale. La mobilitazione generale resa necessaria dall’enorme macchina organizzativa del G7 partirà dalle strutture di lusso a cinque e quattro stelle, per poi estendersi alle varie altre attività ricettive presenti nell’hinterland. In quei giorni Gli alberghi di Taormina, ma anche quelli di Giardini Naxos e Letojanni, sino anche a S.Alessio saranno l’epicentro dell’ospitalità globale: arriveranno per l’occasione in Sicilia i massimi esponenti politici ed istituzionali di Stati Uniti, Giappone, Germania, Francia, Regno Unito, Canada e, naturalmente, Italia, ma anche una nutrita rappresentanza delle rispettive delegazioni. A queste imponenti presenze si affiancheranno quelle altrettanto massicce dei tantissimi giornalisti e delle Forze dell’Ordine che blinderanno Taormina e dintorni per garantire lo svolgimento dell’evento in condizioni di assoluta sicurezza.

© Riproduzione Riservata

Commenti