Ragazzo folgorato a Gaggi
Gaggi piazza Cavallaro, il faretto che ha provocato la folgorazione del 16enne

Rimangono gravissime le condizioni del 16 enne di Gaggi folgorato da una scossa elettrica a Cavallaro la sera del 2 agosto. La situazione di Salvatore, ricoverato all’ospedale San Vincenzo di Taormina, allo stato odierno delle cose, purtroppo non consente il risveglio dal coma farmacologico e non permette una condizione di autonomia rispetto al sostegno delle macchine. I primi momenti avevano fatto sperare in qualche possibile miglioramento ma i giorni e le ore trascorrono e, in assenza di significativi segnali di ripresa, si rafforza l’amara consapevolezza che, a questo punto, servirebbe un miracolo per salvare lo sfortunato ragazzo colpito da un drammatico incidente mentre giocava nella piazza centrale del paese, a pochi passi dalla Chiesa SS. Maria Annunziata.

Il drammatico episodio. Salvatore, quella sera andava a riprendere il pallone e ha appoggiato una mano sulla ringhiera ed un piede accanto ad un faretto ignaro del pericolo mortale che lo attendeva, non poteva immaginare che quel faretto avrebbe generato una scossa che in pochi istanti lo ha folgorato e lo ha portato adesso a trovarsi in fin di vita. Accanto a Salvatore, provata dal dolore ma con grande dignità e con il proprio indomito sostegno al ragazzo, c’è la sua famiglia, attorno alla quale si stringe l’intera cittadina di Gaggi ma anche tanta gente dei Comuni limitrofi, dove questa triste vicenda viene seguita con sincera partecipazione emotiva. Gli amici di Salvatore non si rassegnano e continuano a sperare che quel miracolo possa avvenire in extremis, e per questo stanno anche lasciando dei messaggi di solidarietà e di sostegno nell’aiuola a Cavallaro dove si è verificato il fatto. «La forza della vita ci fa stare qui senza dividerci», «Gaggi ti aspetta, siamo tutti con te», «Salvo svegliati, ti aspettiamo», «Torniamo a giocare insieme», «Dai Salvatore che ce la farai», «Non mollare, siamo tutti con te», «Non ti arrendere», «Lotta campione», sono soltanto alcuni dei tantissimi pensieri d’affetto idealmente rivolti a Salvatore, che in queste ore sta lottando disperatamente per riprendersi la vita e per sottrarsi alla mano cinica e crudele di un destino che non può portarsi via un ragazzo di soli 16 anni.

Le parole del sindaco Tadduni. Intanto proseguono le indagini dei Carabinieri per ricostruire la dinamica della vicenda e per accertare le eventuali responsabilità dell’accaduto. Il Comune di Gaggi ha comunicato la sospensione di tutte le manifestazioni estive. «Il nostro paese – ha comunicato il sindaco Francesco Tadduni – nei giorni scorsi è stato interessato da un triste evento che ha scosso l’intera comunità. In conseguenza di ciò, è palese la constatazione che gli stati d’animo tra la popolazione non siano per nulla quelli dei giorni migliori. Per tale ragione, unitamente a tutta l’Amministrazione Comunale, abbiamo assunto la decisione di sospendere, nell’immediato, ogni iniziativa circa l’avvio delle manifestazioni estive. Nei prossimi giorni verrà assunta e comunicata alla cittadinanza la decisione definitiva».

© Riproduzione Riservata

Commenti