Gaetano Carella, assessore ai Lavori pubblici
Gaetano Carella, assessore ai Lavori pubblici

E’ attiva dalle ore 13.30 di venerdì 5 agosto nel territorio di Taormina una fornitura di 12 litri di acqua al secondo concessa da Amam a supporto della precedente portata degli impianti comunali. Lo hanno reso noto il sindaco Eligio Giardina e l’assessore ai Lavori pubblici, Gaetano Carella.

Opportunità per Taormina. Si tratta di una fornitura finalizzata a potenziare la capacità idrica della Città del Centauro per scongiurare i forti disagi delle recenti due settimane, quando parecchie zone del paese sono rimaste a secco per diverse ore ed anche per 3-4 giorni consecutivi. «Dopo aver stipulato nei giorni scorsi il contratto con Amam – afferma il sindaco Giardina – bisognava attendere che Amam completasse i lavori nel bypass Fiumefreddo, che serve Messina, e a quel punto ci era stato garantito che sarebbe arrivata la fornitura di 12 litri al secondo per Taormina. E così è stato. Da venerdì è attiva questa ulteriore opportunità. E’ stata anche effettuata un’attività finalizzata a rimuovere i problemi di dispersione che si verificavano negli impianti. Adesso siamo relativamente al sicuro ma bisogna tenere alta l’attenzione e programmare per il futuro».

Le parole dell’assessore. «Abbiamo avviato, d’intesa col sindaco – afferma Carella -, le pratiche per stipulare con Sicilia Acque un contratto affinché Taormina possa avere ulteriori capacità idriche. Verranno avviati dei lavori su un’area di circa 3 km tra Chicchirichi e Cuculunazzo, interventi i cui costi saranno a carico di Sicilia Acque. Si tratta di un piano da realizzare in vista del 2017 e che prevederà un contratto a consumo». «Le polemiche – ha aggiunto Carella – non fanno bene alla città e non portano a nessun risultato. La fornitura attivata da Amam e l’iter avviato con Sicilia Acque dimostrano la buona volontà di risolvere l’emergenza e l’intenzione di farlo in modo concreto e silenzioso, senza fare proclami». Nei giorni scorsi, intanto, sono stati effettuati degli interventi con i quali è stata aumentata la portata del pozzo comunale di contrada Pietraperciata con una pompa. In tal modo, la portata è passata dai precedenti 40 litri al secondo ad 80.

Obiettivi futuri. L’aspettativa adesso è che ad agosto non si ripetano i disagi e i disservizi delle recenti settimane, quando Taormina (ed in particolare Taormina centro e Mazzeo) ha vissuto l’incubo della carenza idrica, senza ovviamente dimenticare l’emergenza che già da cinque anni caratterizza la popolosa frazione di Trappitello, dove in concomitanza con le piogge l’acque dei rubinetti diventa puntualmente torbida. L’auspicio che la fase centrale e di maggiori presenze in città possa trascorrere senza ulteriori problemi idriche viene espresso dai cittadini e dagli operatori economici, che hanno patito comprensibili difficoltà nei giorni in cui si è registrata la carenza d’acqua sul territorio.

© Riproduzione Riservata

Commenti