L'assessore all'Urbanistica Tanino Carella
L'assessore all'Urbanistica Tanino Carella

«Il finanziamento della Scuola Media Ugo Foscolo non è stato perso. Informiamo la dirigente Santoro che l’iter va avanti. Manca al momento il nulla osta del Genio Civile ma non abbiamo perso la somma finanziata». Così l’assessore ai Lavori pubblici, Tanino Carella, replica ufficialmente alle dichiarazioni della dirigente dell’Istituto Comprensivo 1, Carla Santoro, secondo la quale sarebbe a rischio e si sarebbe anzi ormai perso il contributo regionale da 446 mila euro per i lavori di sistemazione della scuola di via Cappuccini.

Gli interventi. Si tratta di opere di recupero edilizio, messa a norma e adeguamento sismico della scuola media “Ugo Foscolo”, che sarebbero dovute iniziare prima dell’anno scolastico che prenderà il via a settembre, ma che sinora non sono partite e proprio ciò ha scatenato il malcontento e la protesta della dirigente scolastica. «Il progetto di recupero, messa a norma ed adeguamento sismico di edifici scolastici di proprietà comunale, scuola media Ugo Foscolo, per 446 mila euro, di cui 160 mila a carico del Comune è stato inserito nel piano pubblicato dalla Gurs n.39 del 7 agosto 2009. Con d.d.s. della Regione n.1182 del 24 marzo 2014 veniva preso atto del progetto esecutivo, approvato dal Comune di Taormina ed è stata prenotata la quota di somma dell’opera in oggetto per un importo di 160 mila euro. Il progetto ha ottenuto tutte le autorizzazioni di rito e nel marzo 2015 è andato a bando presso gli uffici dell’Urega di Messina».

In attesa del Genio Civile. «La ditta vincitrice dell’appalto è risultata la Ferrobeton Catania Srl. Con nota introitata al protocollo generale dell’ente, al n.11972 del 10 giugno 2016, a seguito della gara ed il ribasso sui lavori da eseguire, è stato trasmesso il nuovo d.d.s n. 2536 del 25 maggio 2016 di finanziamento, pari a 359 mila euro, di cui in quota parte 128 mila euro a carico della Regione, del Comune e dello Stato. A seguito del decreto di finanziamento del maggio 2016 – continua Carella – è stato richiesto al progettista delle strutture di produrre il progetto esecutivo ai sensi dell’articolo 18 della legge sismica n.64-74 che è stato trasmesso all’ufficio del Genio Civile per il necessario nulla osta in data 8 luglio 2016. Ad oggi è in attesa di risposta. Senza il nulla osta del Genio Civile i lavori non possono iniziare. Stiamo provvedendo a fare la procedura per individuare la figura del collaudatore statico con bando pubblico. Bisogna fare il bando, poichè altrimenti non si può pagare con il finanziamento regionale. Già sono stati nominati il Coordinatore della sicurezza ed il direttore dei lavori».

© Riproduzione Riservata

Commenti