Base off shore “Giorgio La Pira”, Pozzallo (RG) di Elisicilia
Base off shore “Giorgio La Pira”, Pozzallo (RG) di Elisicilia

Effettuati mercoledì mattina a Taormina una serie di sopralluoghi tecnici in vista della necessaria realizzazione di un’elipista, sia in chiave G7 che in via definitiva anche per il futuro. La ricognizione sui luoghi ha visto la presenza di una delegazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri appositamente giunta da Roma, con il Questore di Messina, Giuseppe Cucchiara ed il sindaco Eligio Giardina. Si è parlato quindi dell’organizzazione dei voli e della logistica propedeutica al summit delle superpotenze in agenda il 26 e 27 maggio del prossimo anno.

Sopralluoghi e verifiche. «Dalle verifiche tecniche abbiamo effettuato – ha reso noto Giardina – possiamo dire che Taormina avrà, in ogni caso, un’elipista che potrà utilizzare non solo per il G7 ma anche poi in futuro in pianta stabile. Il dato, semmai, più significativo emerso da questi sopralluoghi è che in occasione del G7 serviranno tre piste di atterraggio. Sono stati vagliati diversi siti per individuare le aree idonee e tra queste ci sono i terreni in prossimità della piscina comunale, contrada Piano Porto ed il campo sportivo». Per il G7 si punta, in sostanza, ad approntare un’elipista di riferimento, un’altra superficie che servirà per le emergenze con il coordinamento del 118 ed un’ulteriore area che dovrebbe essere gestita dagli Stati Uniti. In questo ultimo caso è ipotizzabile che a coordinare le operazioni sul territorio possa essere la vicina Base Aerea di Sigonella. Viene valutata anche un’altra soluzione che riguarderebbe la terrazza del Parcheggio Porta Catania, che potrebbe essere sistemata e utilizzata per alcune tipologie di elicotteri leggeri.

Giorni cruciali. La necessità di stringere i tempi per questi interventi è stata evidenziata nel fine settimana appena trascorso anche da due Ministri del Governo, ovvero Angelino Alfano (Ministro dell’Interno) e Beatrice Lorenzin (Ministro della Salute), che nella giornata di domenica hanno discusso la situazione con il sindaco Giardina. Alfano si sta occupando degli aspetti tecnici inerenti la logistica e la sicurezza, mentre la Lorenzin ha sollecitato un’elipista per la città in occasione della sua visita all’ospedale di Taormina ed al Centro di Cardiochirurgia pediatrica. I prossimi giorni saranno adesso cruciali per accelerare i tempi su un argomento che è diventato una priorità da concretizzare quanto prima. Fra le 3 aree che verranno approntate, quella destinate alle emergenze e che dovrebbe essere affidata al 118 verrebbe realizzata al campo sportivo, mentre l’elisuperficie principale a quanto pare dovrebbe essere collocata nei terreni accanto alla piscina comunale. E tornata, intanto, d’attualità anche l’opportunità di utilizzare contrada Piano porto dove tuttavia sarebbe necessario realizzare, in tal caso, delle opere di viabilità vista la difficoltà di movimento per i mezzi che accedono al piazzale a suo tempo utilizzato in via precaria, talvolta, proprio per queste attività di elipista.

© Riproduzione Riservata

Commenti