Baldo Gucciardi, assessore regionale alla Sanità
Baldo Gucciardi, assessore regionale alla Sanità

Mentre a Taormina, e nelle Province di Messina e Catania, esplode la rabbia e la protesta verso il Governo Crocetta, a Palermo si “festeggia” per la delibera di Giunta regionale che ha disposto dal 2017 il trasferimento della Cardiochirurgia pediatrica dall’ospedale “San Vincenzo” all’Ospedale dei Bambini “Giovanni Di Cristina” sito nel capoluogo.

Decreto imminente. «La Giunta ha formalizzato la mia proposta. Dopo tanto parlare si va avanti», così’ l’assessore Baldo Gucciardi risponde alle dure critiche che arrivano nei suoi confronti dalla Sicilia orientale. A quanto pare, entro una decina di giorni e comunque prima della pausa estiva, l’assessore firmerà il decreto che istituirà l’Unità operativa complessa di cardiochirurgia pediatrica dell’Arnas-Civico, cui appartiene l’ospedale pediatrico. Poi bisognerà individuare chi sarà a guidare il nuovo reparto, e ci sarà anche da affrontare la questione dei medici da selezionare e dell’equipe da costituire, nonchè la formazione del personale infermieristico. Tutte cose che fanno già discutere e che rischiano di scatenare una bufera sul Governo Crocetta, ad un anno dalle elezioni regionali.

Al centro della bufera mediatica. Gucciardi, intanto, tira dritto e ha aggiunto: «Abbiamo calcolato i tempi. Se il ministero darà il via libera per il personale, entro qualche settimana i direttori si attiveranno». L’assessore regionale alla Sanità è in queste ore al centro di dure critiche da parte del Comitato genitori che difende la permanenza del “Bambin Gesù” a Taormina e che ha richiamato alcune sue dichiarazioni di qualche settimana fa, a Messina, quando Gucciardi dichiarò di «rassicurare sindaci, amministratori, parlamentari e cittadini» e che «col decreto adottato nessun reparto è stato cancellato in nessun ospedale della Sicilia rispetto agli atti aziendali a suo tempo approvati».

Trasferimento opportuno. Sulla questione è anche intervenuto nelle scorse ore anche il direttore generale dell’Arnas Civico, Giovanni Migliore, che negli anni passati era stato commissario dell’Asp 5 Messina: «Il trasferimento a Palermo è la scelta più giusta, un’altra sarebbe stata inspiegabile. Ora aspettiamo il decreto, ma siamo pronti. Il trasferimento è tecnicamente opportuno: per la sicurezza dei bambini, i risultati migliori si ottengono in un’area pediatrica specifica. Abbiamo lavorato molto per questo, è il coronamento di un percorso. Questa è una struttura che può dare tutto il supporto necessario». Quello che ci si chiede è come si sia arrivati in maniera così repentina ad un trasferimento che avverrebbe da un centro già pronto e pienamente funzionale come Taormina ad una struttura a Palermo dove al momento ci sono ancora tante cose da predisporre, ed al momento non è stato ancora deciso se la nuova cardiochirurgia sorgerà nel presidio pediatrico o all’interno del Civico. «Abbiamo un ventaglio di possibilità – conclude Migliore -. L’obiettivo è quello di partire il prima possibile».

© Riproduzione Riservata

Commenti