Taormina. Consegnati nuovi arredi e giocattoli per l'asilo nido comunale

Nell’ambito del Programma Nazionale Servizi di cura all’Infanzia, al Comune di Taormina era stato finanziato nei mesi scorsi il progetto relativo all’acquisto di arredi e giocattoli da destinare all’asilo nido del Comune di Taormina. Adesso, concluse le procedure di gara pubblica ad opera dell’ufficio dei servizi sociali, nelle scorse ore, sono stati consegnati i nuovi arredi, giocattoli e il materiale didattico all’asilo nido Comunale di Taormina.

Progetto estivo. Dopo l’avvio dei progetti per il periodo luglio e agosto che sta consentendo ai bambini presso l’asilo nido di Taormina di rimanere sino alle ore 19.00 tutti i giorni compreso il sabato mattina, è stato così realizzato anche l’ammodernamento degli arredi e dei giocattoli. Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Eligio Giardina e dall’Assessore alle Politiche per l’Infanzia e pubblica istruzione Pina Raneri. «Gli amministratori – spiega il Coordinatore del progetto, Leonardo Le Mura – si sono mostrati attenti e premurosi nei confronti degli utenti e operatori dell’asilo nido. Finalmente – evidenzia Le Mura – è stato raggiunto un altro obiettivo nell’ambito delle iniziative a favore dell’Infanzia e delle famiglie di Taormina. Siamo riusciti, grazie agli uffici dei servizi sociali diretti da Giovanni Coco, col supporto di Elena D’Agostino e Venera Valentino ed i responsabili dell’asilo nido comunale, in un’opera di modernizzazione ed estensione dei servizi nel corso di una fase dell’anno in cui le famiglie di Taormina sono particolarmente impegnate sul fronte lavorativo. Ho riscontrato una buona organizzazione, ottimi servizi e tra questi il servizio mensa. Personale preparato e ben diretto dall’instancabile coordinatrice Lilla Pulvirenti coadiuvata dal personale dell’Asofa seguito dalla responsabile Stefania Buzzurro. Un plauso, quindi, va a tutti. Il lavoro di squadra – conclude Le Mura – ha consentito all’asilo pubblico di Taormina di raggiungere livelli di efficienza eccellenti».

© Riproduzione Riservata

Commenti