Incendio di vaste dimensioni a Castelmola. Le fiamme sono arrivate a lambire le case

Il rogo probabilmente è stato dovuto alle calde temperature, ma i residenti sospettano che sia stata opera di qualche piromane

Monte Petraro - Foto di Alfio Barca
Monte Petraro - Foto di Alfio Barca

Un incendio di vaste dimensioni ha interessato ieri un’ampia zona di Castelmola. Le fiamme hanno interessato per diverse ore nella giornata di venerdì il borgo castelmolese all’altezza di Monte Petraro. Il rogo ha creato momenti di forte apprensione tra i residenti e ci sono volute un paio di ore per domare le fiamme. «Dove si è scatenato l’incendio – spiega la residente Jenny Gullotta – erano trascorsi almeno 10 anni dagli ultimi incendi. Le fiamme in questa occasione hanno fatto un danno enorme, bruciando pini, cipressi, macchia mediterranea. Il fuoco è arrivato a lambire le case e a bruciare quelle abbandonate. Non ci sono parole per descrivere il cimitero che è rimasto in zona».

Interventi. Sul posto, dove l’incendio si è progressivamente sviluppato attraverso almeno due focolai sino a tarda sera, sono intervenuti Vigili del Fuoco e la Forestale e soprattutto diversi volontari che si sono opposti con lodevole impegno all’incedere delle fiamme e hanno consentito alla fine lo spegnimento dell’incendio. Si tratta di un rogo che si è portato via una considerevole parte di verde della zona e sul quale ora ci si interroga se sia stato opera delle alte temperature o se, piuttosto, si sia trattato di un incendio doloso appiccato da qualche piromane. Proprio su questa ipotesi puntano l’indice i residenti e potrebbe, quindi, esserci stata la mano di qualche sconsiderato dietro questo grave episodio che ha determinato seri danni ambientali alla sommità di Taormina.

© Riproduzione Riservata

Commenti