Carla Santoro, dirigente scolastico Istituto Comprensivo 1 Taormina
Carla Santoro, dirigente scolastico Istituto Comprensivo 1 Taormina

«Le nostre scuole attendono lavori che al momento ancora non partono. Sullo stato dei relativi iter sappiamo poco o nulla dal Comune. Dovremo forse aspettare che arrivi Renzi? Magari gli chiederemo di nominare un commissario che faccia sistemare i plessi». Il monito è della dirigente dell’Istituto Comprensivo 1, Carla Santoro, che sollecita chiarezza sulle procedure per le opere previste alla Scuola Media Ugo Foscolo, dove ancora non è scattato l’adeguamento e messa a norma del plesso, e sulla ex Scuola elementare “Vittorino da Feltre”, che dovrà essere ristrutturata dopo 12 anni di chiusura.

Apprensione. «In questa fase – spiega la dirigente – la notizia positiva è che a Trappitello, nella scuola di “Santa Filomena”, abbiamo realizzato dei lavori di ritinteggiatura negli ambienti del primo piano e lo stesso anche presso la scuola infanzia di Taormina centro, e per le ringhiere della “Foscolo”. In tal senso abbiamo beneficiato di un finanziamento governativo di circa 20 mila nell’ambito del fondo “Scuole belle”. Ora il Comune ci ha promesso anche nuovi arredi a fronte di un aumento della popolazione scolastica. Stiamo, inoltre, operando con il mercato elettronico per acquisire lavagne multimediali e ambienti digitali, nuove tecnologie per i ragazzi. Tutto il resto invece ci preoccupa». La preside Santoro non nasconde la sua apprensione sui lavori da circa 400 mila euro da tempo attesi per l’adeguamento e messa a norma della Media “Ugo Foscolo”, che da anni accoglie anche gli alunni delle elementari: «Al momento non abbiamo nessuna novità, questi lavori dovevano partire a conclusione delle attività didattiche nelle scorse settimane, ma non essendo avvenuto ciò faremo i soliti solleciti al Comune almeno per le opere urgenti. Parliamo di lavori strutturali che non possono poi avvenire a scuola aperta».

Scuole dimenticate. «Quello che sinceramente mi lascia più perplessa – continua la Santoro – è che le uniche notizie su questi iter procedurali le apprendiamo periodicamente solo a mezza stampa mentre il Comune non ci aggiorna sullo stato delle cose. A quanto pare, l’argomento scuole è passato in secondo piano e non vorrei che si finisca col pensare soltanto al G7 mentre i problemi si accumulano. Vorrà dire che appena Renzi verrà a Taormina lo inviteremo a scuola e gli mostreremo le difficoltà irrisolte che ci troviamo a fronteggiare». Sulla ristrutturazione della “Vittorino da Feltre” è stato predisposto il bando di gara e la Giunta ha impegnato in bilancio circa 300 mila euro come cofinanziamento per i lavori. La Regione ha previsto l’assegnazione in favore del Comune di Taormina di Un milione 500 mila euro, ed il resto lo dovrà impiegare l Comune di Taormina come quota a sostegno per gli interventi in oggetto. Sulle opere di recupero edilizio, messa a norma e adeguamento sismico della scuola media “Ugo Foscolo”, finanziate dalla Regione con 446 mila euro, il 21 aprile scorso si era dimesso il professionista individuato per la Direzione Lavori, Misure e Contabilità dei lavori ed il Comune ha poi conferito il nuovo incarico. Ora si attende che il cantiere venga finalmente avviato.

© Riproduzione Riservata

Commenti