Vittorio sabato, vicepresidente del Consiglio comunale - Foto di Angelo Nicita
Vittorio sabato, vicepresidente del Consiglio comunale - Foto di Angelo Nicita

Si va arroventando il clima sul caso acqua non potabile a Taormina. Il vicepresidente del Consiglio comunale, Vittorio Sabato, sferza l’Amministrazione e si dice «pronto a rivolgersi all’Autorità Giudiziaria se non verrà subito chiarito e risolto il problema». «Lunedì 13 giugno Asm ha fatto una nota a firma del liquidatore Agostino Pappalardo, nella quale sulla base di una comunicazione ricevuta dall’esperto del sindaco, l’ing. Agostino Sascaro che evidenzia le criticità in atto, dispose la chiusura immediata del vecchio pozzo di Trappitello, uno dei due dell’impianto di contrada Santa Filomena – spiega Sabato – ma a quanto risulta, nei fatti, quel pozzo, la chiusura ancora non avvenuta».

Priorità: la salute dei cittadini. «In virtù delle analisi e dei dovuti riscontri si era decisa la chiusura di quel pozzo ma non si comprende perché sia ancora attivo: i tempi tecnici per un’operazione del genere in questi casi non richiedono un mese, lo si può e lo si deve fare subito. Se quel pozzo è inquinato – incalza Sabato – non si può mettere a repentaglio la salute dei cittadini. Se entro le prossime 24 ore non avverrà la chiusura del vecchio pozzo (quello con camicia in metallo del 1985), prenderò io stesso un tecnico a mie spese come ho fatto anni fa per il ponte Santa Venera, e chiederò un accertamento, riservandomi di denunciare alle autorità competenti il caso e chi sarà inadempiente su questa vicenda». «Mi preoccupa molto questa situazione – aggiunge Sabato – e ancora di più adesso che il discorso di non potabilità si è allargato al resto del paese. Da dove viene il problema? Che sta succedendo? A Trappitello va messa una nuova pompa nell’altro pozzo, quello realizzato pochi anni fa, per ampliare la portata e va chiuso il vecchio pezzo. Vedo troppa superficialità, la questione è seria e il tempo delle ipotesi è finito, la gente reclama certezze e chiarezza».

© Riproduzione Riservata

Commenti