Il sindaco Giardina chiarisce il
Il sindaco Giardina chiarisce il "giallo" sulla potabilità dell'acqua a Taormina

Continua a far discutere il caso acqua a Taormina. Per i cittadini che consultano l’albo pretorio comunale il divieto di potabilità del prezioso liquido, al momento, risulta formalmente in vigore solo a Trappitello, in virtù dell’apposita ordinanza emessa venerdì scorso da Palazzo dei Giurati, ma il sindaco Eligio Giardina chiarisce e conferma che il momentaneo stop alla potabilità riguarda tutto il territorio di Taormina e che ha già firmato la nuova ordinanza inerente la Città del Centauro nella sua interezza.

Presenza di colibatteri in tutti i prelievi effettuati. «Su questa vicenda – spiega Giardina – è bene fare chiarezza una volta per tutte ed al contempo vanno evitate confusioni come anche allarmismi ingiustificati. Sono stati fatti dei prelievi dall’Asp che hanno evidenziato la presenza di colibatteri e quindi valori non a norma. Allo stato attuale il problema c’è su tutto il territorio comunale. Stiamo cercando di capire l’esatta origine del problema: forse mancanza di cloro, forse qualche infiltrazione, forse qualche pozzo che determina ulteriori difficoltà, forse c’è qualcuno a cui interessa che accada questa cosa, ad oggi non lo sappiamo quale sia l’origine del caso, e stiamo verificando tutte le ipotesi con la dovuta attenzione e con il senso di responsabilità che è ancor più necessario in casi del genere. Intanto, aumenteremo la clorazione e poi, quando i valori saranno tornati normali, faremo l’ordinanza di revoca del divieto di potabilità. Ci tengo, però a dire che quanto in atto non è un dramma e stiamo facendo tutto il possibile per ripristinare la piena normalità nel più breve tempo possibile».

Il “giallo” dell’albo pretorio. Giardina chiarisce, poi, anche il “giallo” del fatto che all’albo pretorio da venerdì in poi sia stata sino ad ora presente solo un’ordinanza inerente Trappitello. «Le analisi riguardanti il resto di Taormina sono arrivate alle ore 13 di venerdì, quando già era stata fatta l’ordinanza su Trappitello. Gli uffici hanno avuto disposizione di estendere, ora, a tutto il territorio il divieto di potabilità. Domani mattina (lunedì, ndr) ci sarà questa ulteriore ordinanza, che per altro ho già firmato. L’ordinanza sarà registrata domattina (lunedì), è solo un fatto burocratico che non sia stata emessa prima, anche perché prima vanno registrate le analisi. L’inquinamento, tuttavia, è minimo, c’è pericolo solo per bere, non per altre cose. Il divieto si riferisce all’utilizzo alimentare, mentre non ci sono problemi per l’utilizzo igienico-sanitario. La problematica va gestita con intelligenza e senza allarmismi. Se ci sono delle “faide” o delle diatribe di carattere politico, ci sarà tempo per confrontarsi, non è questo il momento. Ora la priorità sono i cittadini e la necessità di ripristinare quanto prima la situazione di piena normalità».

© Riproduzione Riservata

Commenti