Taormina contrada Bongiovanni
Taormina contrada Bongiovanni

“Decolla” il progetto per l’elisuperficie che si intende realizzare a Taormina nei prossimi mesi. L’obiettivo, diventato imprescindibile anche in ottica G7, è quello di trovare finalmente l’area giusta dove realizzare l’opera. Una proposta progettuale è stata presentata dalla “EliSicilia” di Modica, che ha individuato il sito nei terreni di contrada Bongiovanni, accanto alla piscina comunale.

Il placet. Su questa soluzione arriva adesso il placet dell’esperto del sindaco, il prof. Franco Ortolani. Il consulente scientifico nella sua relazione geologica ha valutato positivamente l’area. «Si prevede di realizzare una elisuperficie ai margini dell’abitato di Taormina – spiega Ortolani -. L’area prescelta rappresenta una zona sub-pianeggiante nella quale in passato sono stati effettuati sbancamenti e locali riporti di terreno. Nell’area in esame, sub-pianeggiante, ci sono rocce che si presentano stabili. Il substrato in oggetto può essere coperto da sedimenti detritici di spessore variabile. L’intervento previsto consiste nella realizzazione di una piazzola e dei servizi connessi. La pista di atterraggio deve essere adeguatamente fondata in modo da sopportare anche carichi notevoli improvvisi. In base alle caratteristiche geo-ambientali dell’area l’intervento può essere realizzabile in sicurezza mediante la costruzione di una piattaforma di fondazione attestata sul substrato. Tale fondazione può essere prevista anche su pali». L’area è stata urbanizzata già nell’antichità per cui la morfologia originaria è stata modificata da una stratificazione di interventi urbanistici che hanno reso la zona idonea alle successive espansioni edilizie mediante sbancamenti e accumulo di terreno di riporto eterogeneo. In particolare lungo i margini della zona sub-pianeggiante sommitale urbanizzata sono stati realizzati accumuli di terreni di vario tipo e consolidamenti dei versanti. Tali rocce rappresentano un ottimo terreno di fondazione per i manufatti in quanto stabili dal punto di vista geomorfologico e in grado di sostenere carichi consistenti. Questo substrato costituisce la base litoide che consentirà un efficace appoggio alla fondazione dell’elisuperficie e dei manufatti connessi.

Area ideale. E’ previsto lo sbancamento della parte superficiale dei terreni affioranti per ricavare una superficie sub-pianeggiante. Sarà effettuata la raccolta e smaltimento dell’acqua di ruscellamento che dovrà essere incanalata fino al recapito di fondo valle. Opportune indagini in fase esecutiva consentiranno di definire la profondità di scavo per la costruzione dei manufatti. L’area in esame si presenta idonea per la morfologia sub-pianeggiante e per la presenza di un substrato dalle buone caratteristiche geo-meccaniche alla realizzazione della elisuperficie e dei manufatti connessi. I manufatti andranno adeguatamente fondati su substrato compatto. Sarà necessaria la realizzazione di una adeguata rete di raccolta e scolo dell’acqua di ruscellamento che dovrà essere incanalata e smaltita fino al fondo valle in idonea struttura. Le rocce del substrato rappresentano un ottimo terreno di fondazione per i manufatti in quanto stabili dal punto di vista geomorfologico e in grado di sostenere carichi significativi.

Particolari. Questo substrato costituisce la base litoide che consentirà la realizzazione di adeguate strutture di fondazione dei vari manufatti. Si fa presente che l’area in esame è ubicata a circa 200 metri di quota e a circa 300 m di distanza dall’Area Protetta Isola Bella che si trova al livello del mare e che non vi può essere alcuna influenza su tale area in relazione agli interventi previsti che consistono in un limitato sbancamento e riporto di terreno, nella costruzione di una pista di atterraggio a raso e di alcuni manufatti in elevazione accessori. L’avvicinamento e allontanamento dei mezzi a pala rotante è previsto lungo un allineamento parallelo alla costa di Isola Bella e quote di circa 200 m sul livello del mare per cui si esclude qualsiasi incidenza circa l’Area Protetta di Isola Bella.

© Riproduzione Riservata

Commenti