Il sindaco si Taormina Giardina con il ministro Alfano
Il sindaco si Taormina Giardina con il ministro Alfano

Il sindaco di Taormina, Eligio Giardina, è stato ieri in “missione” a Roma dal Ministro dell’Interno, Angelino Alfano. Al centro dell’incontro il G7 del 2017 che di terrà nella Città del Centauro. Al termine del faccia a faccia Giardina ha incassato il sostegno di Alfano per la necessaria predisposizione delle attività propedeutiche alla riuscita dell’evento, ed in particolare il primo cittadino ha chiesto supporto per l’iter dei progetti da prevedere in vista del summit in agenda il 26 e 27 maggio del prossimo anno. Nei prossimi giorni sono attese importante novità e tra le ipotesi che valuterà il premier Matteo Renzi c’è anche quella di una possibile indicazione dello stesso Giardina per il ruolo di Commissario per l’organizzazione del G7.

Aspetti logistici. «Abbiamo avuto una riunione operativa col ministro Alfano a Roma – spiega Giardina – e posso dire che nell’occasione si è parlato del G7 e della necessità di iniziare a predisporre in tempi stretti l’organizzazione del super-vertice dei Capi di Governo. Logicamente non mi è consentito rilasciare dichiarazioni sugli aspetti logistici e sulla sicurezza, ma una premessa ad ogni discorso è d’obbligo: anche se al momento dal punto di vista strettamente formale manca il timbro europeo dei 7 grandi, l’Italia si è già espressa in modo ufficiale e il presidente Renzi ha indicato con chiarezza che sarà Taormina ad ospitare questo grande appuntamento. Ecco perché ora bisogna correre e fare tutto quello che c’è da fare affinché Taormina sia pronta per il G7. Non c’è tempo da perdere e non ci si può permettere il lusso di fallire questa opportunità di prestigio mondiale. Al ministro Alfano ho chiesto, in particolare, un supporto tecnico per quanto concerne la predisposizione dei progetti sugli interventi da eseguire nel territorio».

Oltre il G7. «Il nostro Comune e i nostri uffici non sono in grado, evidentemente, di poter fare tutto da soli. Per questo ho chiesto che il Governo ci dia una mano e Alfano ha dato disponibilità assoluta in tal senso. I fondi per il G7 arriveranno, ora occorre concentrarsi sui progetti che, per altro, rimarranno in ogni caso poi utili alla nostra città anche dopo questo vertice. Nella qualità di primo cittadino ho obbligo di agire subito e rendere operativi tutti gli adempimenti da porre in essere. Tra le opere da realizzare – aggiunge Giardina – una di quelle alle quali stiamo già lavorando è quella per la realizzazione di una elipista e c’è una proposta presentata in Comune da un privato che ha dato disponibilità in tal senso. I terreni nei quali ipotizziamo questo intervento sono di proprietà comunale e si trovano nella zona della piscina. Questa soluzione consentirebbe la realizzazione di una pista per il decollo e due ulteriori spazi per l’atterraggio degli elicotteri».

© Riproduzione Riservata

Commenti