L'ispettore capo Nino Raneri e l'ispettore capo Andrea Gullotta con la merce sequestrata
L'ispettore capo Nino Raneri e l'ispettore capo Andrea Gullotta con la merce sequestrata

Avviato a Taormina un servizio congiunto anti-ambulantato abusivo e anti-accattonaggio che sta vedendo impegnati sul territorio Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Municipale. In questi giorni sono stati operati 20 sequestri che hanno portato al successivo sequestro di circa 25 mila pezzi tra occhiali, cinture, borse, ombrelli, waterball, fermacapelli e mercanzia varia che veniva venduta dagli ambulanti non autorizzati, e nella fattispecie da cittadini extracomunitari. Nella mattinata di sabato i Vigili urbani hanno effettuato un altro blitz in centro storico.

Controlli. L’ispettore capo Nino Raneri e l’ispettore capo Andrea Gullotta hanno operato il sequestro di 300 occhiali, 50 tra cinture ed ombrelli, ed inoltre 700 rose che sono state devolute ora alla Parrocchia di Taormina. Nella stessa giornata, sempre gli agenti della Polizia municipale hanno posto in essere un controllo anti-accattonaggio nell’ambito del quale hanno verbalizzato una donna rumena che chiedeva l’elemosina con un bambino di 1 anno e mezzo in braccio. In questo primo semestre dell’anno diverse donne dell’est, di nazionalità rumena, sono state verbalizzate e denunciate per accattonaggio accompagnato da minori. Altri controlli verranno posti in essere, a sorpresa, nei prossimi giorni e l’obiettivo è quello di stringere il cerchio su questo fenomeno che caratterizza ormai da anni Taormina nel periodo estivo o comunque nei mesi del bel tempo. Le Forze dell’Ordine puntano così ad arginare il proliferare delle attività illecite nella capitale del turismo siciliano.

© Riproduzione Riservata

Commenti