Taormina. Ordinanza anti-bus, Giardina:
Eligio Giardina, sindaco di Taormina

«Non ci sarà nessun dietrofront sull’ordinanza definita “anti-bus”. La mia intenzione, anzi, lo annuncio ufficialmente, è quella di effettuare ove possibile delle modifiche ancor più restrittive». Lo ha dichiarato il sindaco Eligio Giardina, che non intende fare un passo indietro, dunque, sullo stop alla sosta dei bus in via San Pancrazio in vigore dal 1 giugno scorso. A fine mese gli effetti dell’ordinanza posta in vigore in via sperimentale dovrebbero concludersi ma Giardina “gela” le aspettative delle società di autolinee che auspicano un ritorno dei pullman in via San Pancrazio a partire dal 1 luglio.

Rispetto delle regole. «Taormina – spiega Giardina – ha assoluta necessità di un riordino della viabilità. Non si può criticare a prescindere ogni cosa che viene fatta dal Comune. A mio avviso bisogna osservare e rispettare in un modo rigoroso quanto pone in essere il Comune di Taormina, le prescrizioni e i provvedimenti emessi. Poi, nei prossimi giorni, faremo le valutazioni del caso e vedremo se ci saranno dei correttivi da fare ma la zona di “San Pancrazio” va liberata dal caos veicolare, non intendo fare nessun dietrofront rispetto alla linea di pensiero che abbiamo intrapreso. Allo stesso modo, nel tratto di Porta Catania, anche l’accesso alla piazza “S.Antonio” deve essere rimodulato e vi è la necessità di una viabilità snella. Tutto va regolamentato nell’interesse collettivo, il cittadino viene prima di tutto. Occorre avere il coraggio e io posso anche sbagliare ma devo cercare di cambiare qualcosa, perchè amministrare significa anche assumersi la responsabilità di fare delle scelte».

«La mia intenzione – continua il primo cittadino – è quella di rimodulare in senso ancor più restrittivo quanto in vigore dal 1 giugno scorso. Non saranno le pressioni a farmi cambiare idea o a farmi desistere dall’intenzione di rendere meno caotica la viabilità in centro storico. L’idea dei pullman spostati in altre zone, favorendo una minore pressione veicolare sulla via San Pancrazio, non me la sono sognata e sono state fatte delle valutazioni. Non c’è stata improvvisazione o approssimazione come qualcuno vuol far sembrare. Taormina – prosegue Giardina – ha delle gallerie e può e deve puntare proprio sul sistema di viabilità mediante i tunnel. Le gallerie sono state fatte per liberare il centro storico dal caos. E a mio modo di vedere la strada da percorrere in vista dei prossimi mesi e, più in generale per il futuro, è quella di utilizzare le gallerie, far sì che la cittadinanza utilizzi sempre più spesso queste strutture appositamente realizzate a suo tempo per cambiare volto alla viabilità». La querelle sui bus e sull’ordinanza che ha scatenato le proteste delle società che si occupano dei servizi bus sul territorio, quindi, è destinata a proseguire. La casa municipale, come Giardina conferma con le sue dichiarazioni, non intende arretrare rispetto alla nuova viabilità avviata in questo mese e adesso il rischio è quello di un braccio di ferro proprio tra l’ente locale e i privati che operano nella città del Centauro.

© Riproduzione Riservata

Commenti