Morte Mario Biondo, la madre pubblica foto shock del ritrovamento
Mario Biondo

La famiglia di Mario Biondo è sempre più determinata a smontare la pista del suicidio sulla morte del figlio, il cameraman palermitano che il 22 giugno 2012 alla “Fondazione Mazzullo” di Taormina sposò la showgirl spagnola Raquel Sanchez Silva e 11 mesi dopo, il 30 maggio 2013, fu trovato morto in circostanze misteriose a Madrid. Santina, la madre del giovane, ha pubblicato sui social network la foto del ritrovamento del corpo di Mario.

La famiglia non molla. «Il medico legale spagnolo – scrive Santina Biondo – ha scritto nel suo verbale una falsa dichiarazione: “Piedi per terra e gambe semiflesse”. Ma le foto del ritrovamento del corpo di mio figlio evidenziano che le gambe sono perfettamente in estensione …. questo perché è stato collocato quando era già in rigor mortis! Giustizia per Mario Biondo. La foto che ho pubblicato di mio figlio su Facebook e Twitter – spiega Santina Biondo – ha destato giustamente una grande eco mediatica in Spagna. Il nostro unico scopo era proprio questo, aprire gli occhi all’opinione pubblica spagnola, perché in Italia nessuno ha mai creduto alla pantomima del suicidio. Gli spagnoli conoscono la versione della “vedova “. Mio figlio è stato gratuitamente infangato e demonizzata la sua immagine da chi doveva stare in prima linea a difenderlo . Questo è solo l’inizio. Non ci fermeremo davanti a nulla!».

Brutale omicidio. La tesi sulla quale punta, senza alcuna esitazione, la famiglia Biondo è che Mario sia stato brutalmente strangolato, forse con un cavo elettrico. Poi sulla scena del crimine sarebbe stato simulato un suicidio. E’ la tesi, solidamente sostenuta da molteplici indizi e riscontri oggettivi, sulla quale si articolano le relazioni dei periti della famiglia Biondo e l’istanza nei giorni scorsi presentata al Tribunale di Palermo dagli avvocati di Santina e Pippo Biondo con la quale si chiede che il caso rientri sotto la giurisdizione esclusiva dell’Italia. Mario Biondo – scrive il periodico spagnolo “Ok Diario” – è stato trovato morto il 30 Maggio 2013 presso la casa che condivideva con la moglie Raquel Sanchez Silva. Il comportamento della showgirl subito dopo la morte del cameraman italiano ha sollevato i sospetti dei genitori, che non ha mai creduto che il figlio si sia tolto la vita. Ora, Santina Biondo ha fatto un passo ulteriore nella lotta della sua famiglia per chiarire le strane circostanze della morte di Mario.

In cerca di giustizia. I familiari di Mario Biondo non hanno intenzione di fermarsi e vogliono andare fino in fondo nella battaglia intrapresa per fare luce sulla tragica fine del giovane. «Vogliamo giustizia e verità e continueremo a lottare per averla», ribadiscono mamma Santina e papà Pippo. Il 36enne cameraman palermitano, a quanto risulta, non aveva alcun motivo per togliersi la vita e le dinamiche del ritrovamento del corpo suscitano una infinità di dubbi ma soprattutto stridono con la fattibilità di un gesto estremo. Dubbi e contraddizioni, stranezze e perplessità come quelle suscitate dal comportamento della Sanchez, che ha preso in fretta le distanze dalla famiglia di Biondo e che sin da subito ha parlato di “un incidente” e ha detto addirittura: «Mario da bambino giocava a soffocarsi». Ma come può una persona strangolarsi e poi subito dopo impiccarsi alla libreria? E’ un tipo di riscontro che, a detta dei periti della famiglia Biondo, non ha nessuna possibilità di esistere.

© Riproduzione Riservata

Commenti