Sentiero Madonna delle Grazie
Sentiero Madonna delle Grazie

Un tempo era una perla di Taormina, adesso è ormai tra i simboli più indecorosi dello scempio paesaggistico avvenuto in tanti (troppi) scorci della capitale del turismo siciliano negli ultimi 25 anni. Poco o nulla rimane del sentiero di “Madonna delle Grazie” che collegava Taormina centro con la frazione di Villagonia, all’altezza della Stazione Ferroviaria. Sulla situazione del sentiero che attualmente, da tempo ormai, è chiuso per motivi di sicurezza e perché larghi tratti della scalinata non esistono più, sono franati e rimasti privi di parapetto, è intervenuto nelle scorse ore il gruppo Rinnovare Taormina, che fa riferimento a Cino Restuccia e che lungo il percorso adesso impervio si è adoperato per tentare di effettuare un’opera di ripulitura.

La nota. «Tutti quanti – scrive Viviana Manganaro, esponente di Rinnovare Taormina – conosciamo le condizioni penose in cui versa, ormai da anni, la via Madonna delle Grazie, bellissima stradina panoramica che, da via Roma, conduce direttamente alla stazione ferroviaria. Qualcuno, però, oltre alla strada, guarda anche gli alberi che, con amore e fatica, insieme a tanti ragazzini volenterosi, ha piantato tanti anni fa. E, non potendo sopportare anche questa coltellata, decide di fare qualcosa. Un decespugliatore, un po’ di impegno, tanto amore per il proprio paese. Senza chiedere niente, senza grandi proclami. Probabilmente, tanto basterebbe ai nostri amministratori per gestire la nostra città al meglio…».

Interventi necessari. Si tenta, insomma, di “salvare quel poco che è rimasto” laddove il Comune si è dimenticato ormai da tempo di questo sentiero, ridotto al disastro totale dall’assenza di qualsiasi anche minimo intervento di manutenzione da parte dell’ente locale ma soprattutto a seguito dei vari interventi edilizi effettuati in zona che hanno portato praticamente alla scomparsa della mulattiera. Un vero peccato perché tanti turisti hanno sempre cercato di percorrere questo sentiero e ancora adesso, ignari delle condizioni pietose in tanti provano a fare questo percorso, col rischio di rimanere bloccati lungo il tracciato o peggio ancora a rischio e pericolo di cadere nel vuoto, non essendoci più i parapetti.

© Riproduzione Riservata

Commenti