Base off shore “Giorgio La Pira”, Pozzallo (RG) di Elisicilia
Base off shore “Giorgio La Pira”, Pozzallo (RG) di Elisicilia

Proposta ufficiale al Comune per la realizzazione di un elisuperficie. A formulare l’istanza, che andrebbe a colmare un vuoto storico nel settore delle infrastrutture della città di Taormina è la società Elisicilia Srl, con sede a Modica, che ha protocollato a Palazzo dei Giurati una richiesta da considerare ancor più di stretta attualità in vista del G7 del prossimo anno. In vista del vertice dei potenti del pianeta, che avrà luogo il 26 e 27 maggio, Taormina dovrà infatti per forza di cose dotarsi di un’elipista, ritenuta un’esigenza prioritaria ed imprescindibile dall’organizzazione del summit che fa riferimento al Governo italiano.

L’area individuata. E, in questa ottica, ma anche e soprattutto per realizzare una struttura stabile, che servirebbe per fini di accoglienza sia istituzionali, che turistici e per la sanità, è giunta in Comune una proposta di una società specializzata che punta a far nascere l’elisuperficie, avendo già anche individuato un’area idonea nei terreni di contrada Bongiovanni all’interno dei quali vi è la piscina comunale e nello specifico dove si trovano dei campetti in disuso. «Elisicilia Srl – si legge nella nota – è ben conscia della indisponibilità di fondi per investimenti in conto capitale e della ristrettezza delle risorse di conto esercizio che caratterizzano, con la congiuntura economica attuale, le amministrazioni pubbliche ed in particolare i Comuni. D’altra parte le necessità per i Comuni di dotare i propri territori con adeguate infrastrutture ci impone di ideare e proporre soluzioni alternative, tali da soddisfare, i fabbisogni e le urgenze, anche con tempi contenuti per la realizzazione di lavori o la fornitura di beni e servizi».

Gestione. «In tale prospettiva di collaborazione, la remunerazione dell’infrastruttura proposta può trovare adeguata compensazione e copertura nella concessione in uso esclusivo alla nostra società delle aree su cui insisterà l’elisuperficie e quindi negli introiti collegati all’esecuzione dei servizi aeronautici accessori e connessi. L’area per la valorizzazione dell’elisuperficie e quindi oggetto di affidamento in concessione da parte dell’Amministrazione è stata individuata: nell’area circostante la piscina comunale, che attualmente presenta l’insediamento di due campi sportivi in disuso ed in stato di totale abbandono. La gestione in concessione sia dell’area da destinarsi ad elisuperficie che degli spazi resi disponibili per lo svolgimento di attività promozionale permetterebbe alla nostra società di ricavare un fatturato tale da coprire gli oneri di realizzazione dell’elisuperficie, remunerando pienamente gli investimenti realizzati e generando l’imprescindibile, seppure modesto, utile d’impresa. Si precisa, inoltre, che tutte le attrezzature impiegate rimarranno di proprietà della nostra società, che le rimuoverà a propria cura e spese al termine del periodo di concessione».

La società. Elisicilia Srl, stimata società del ragusano che ha già realizzato analoghi interventi in altri contesti, attende adesso risposta dalla casa municipale e nel caso dovesse arrivare “disco verde” a questa proposta si è già detta pronta «a proseguire nello sviluppo e nella successiva realizzazione dell’iniziativa proposta». «Si specifica – continua la nota che verrà, quindi, redatto un progetto definitivo che approfondisca le specifiche tecniche ed economico-finanziarie relative alla realizzazione e gestione di una elisuperficie destinata al trasporto pubblico dei passeggeri, composta da un’area di stazionamento, un’area di decollo/atterraggio e delle indispensabili taxiway. Elisicilia Srl ritiene di dover procedere alla realizzazione di tale manufatto in tale area, cosi come meglio indicato in uno studio di fattibilità composto da 6 elaborati tecnici, mediante il sistema di atterraggio per elicotteri “HeliNest Utility”, piastra modulare in lega d’alluminio alternativa all’utilizzo del conglomerato cementizio armato».

Il sistema. «”HeliNest Utility” è un sistema di elisuperficie in alluminio per atterraggio di aeromobili ad ala rotante con finitura in ossidazione naturale, che consente in un tempo minimo e con l’impiego di pochi uomini la realizzazione di: 1) eliporti ed elisuperfici; 2) superfici occasionali di atterraggio elicotteri. Il sistema, che è un brevetto europeo esclusivo, di cui è concessionaria la scrivente, è l’alternativa all’usuale superficie in cemento armato, e la sua adattabilità alla superficie sottostante permette il montaggio su superfici irregolari, quali terreni con pendenze inferiori al 5% o ricoperti da manto vegetale, superfici accidentate o asfaltate, elisuperfici danneggiate. A corredo del sistema “HeliNest Utility” può essere fornito, su richiesta, un tessuto non tessuto che serve sia ad aumentare la durata della pavimentazione campale, sia a migliorare la stabilità del terreno, consentendo l’installazione dei profili anche su terreni saturi d’acqua. Inoltre, lo strato di tessuto non tessuto agevola la preparazione e la pulizia del terreno sul quale installare il sistema. Il tessuto non tessuto viene fornito, su richiesta, in rotoli da 150 metri per un peso di 35 kg circa. Il tessuto di ogni rotolo è in grado di coprire una superficie delle dimensioni di circa 300 mq. La verifica strutturale è stata condotta con l’utilizzo di software 3d, ad elementi finiti, per garantire al sistema in alluminio “HeliNest Utility” il rispetto delle specifiche tecniche di progetto e la rispondenza agli standard ed alle normative di riferimento».

© Riproduzione Riservata

Commenti