Parcheggio Lumbi di Taormina
Parcheggio Lumbi di Taormina

Il Consiglio comunale ha esitato un ordine del giorno urgente su Asm col quale si dispone lo stop alla trattazione in aula, per il momento, dei punti inerenti i bilanci 2011, 2012 e 2013. L’odg con primo firmatario il presidente della Prima commissione consiliare, Salvo Brocato, ha richiamato una questione già affrontata in aula nei mesi scorsi e che anche stavolta ha animato un aspro dibattito tra le forze politiche. L’odg approvato nelle scorse ore con 10 voti favorevoli, 6 contrari e 2 astenuti riguarda l’esame ed approvazione del rendiconto Asm per il 2011, l’approvazione del Conto Consuntivo Asm 2012 ed il bilancio consuntivo Asm rettificato al 31/12/2013. “Alcuni consiglieri comunali – si legge nell’odg – sono indagati dalla Procura della Repubblica per fatti riconducibili ad Asm a seguito di esposti presentati dall’ex liquidatore di Asm, Cesare Tajana, ed essendo in corso delle indagini ogni decisione potrebbe interferire con il procedimento intrapreso ed in corso da parte della magistratura. Si ritiene, quindi, di dover cristallizzare gli atti posti in essere dal liquidatore pro-tempore di Asm, sia per motivi prudenziali che potrebbero incidere sulle dinamiche di carattere gestionale, finanziario e contabile, nonchè a tutela degli interessi generali del Comune e di Asm, pertanto il Consiglio comunale delibera con espressa riserva di legge di sospendere la votazione degli argomenti sino alla conclusione delle indagini in essere”. L’odg è stato contestato dal Partito

Democratico. «C’è un piano di riequilibrio del Comune che sta per essere trasmesso alla Corte dei Conti – hanno detto Graziella Longo e Carmelo Valentino – ed è opportuno fare chiarezza, non si possono non esaminare quei bilanci. L’unica soluzione possibile è quella di ritirare quei bilanci e rettificarli sulla base dei rilievi della Prima commissione consiliare, farli certificare ad una società di revisione e farli riapprovare. Bisogna assumersi le proprie responsabilità, la politica deve decidere». Ma in aula si è anche discusso della questione dell’allineamento dei conti tra Asm e Comune. Al momento Asm risulta aver fatto 2 milioni 400 mila euro di mandato nei confronti di Palazzo dei Giurati, ma il Comune non ha versato 751 mila euro, somme che potrebbero dare ossigeno al forziere dell’azienda municipalizzata. Asm, tra l’altro, ha dovuto affrontare diversi mesi di indisponibilità della funivia che hanno privato le casse dell’azienda di importanti risorse e in quel periodo proprio Asm ha sostenuto, con proprie risorse, i costi necessari per i lavori di rifunzionalizzazione dell’impianto danneggiato nel settembre 2015 da una frana. «Asm – ha spiegato il consigliere Eugenio Raneri – ha avuto la disgrazia di un alluvione alla funivia ed ha dovuto erogare 570 mila euro. In altri tempi Asm non avrebbe avuto le risorse per intervenire subito ma con impegno e senso di responsabilità è stato fatto un investimento. Altrimenti adesso la funivia sarebbe rimasta chiusa in piena estate. Asm non può essere il salvadanaio del Comune di Taormina, quindi il Comune si ricordi che ha delle somme da versare ad Asm e provveda al più presto ad eseguire gli allineamenti».

© Riproduzione Riservata

Commenti