scuola Vittorino da Feltre
l'ex scuola elementare Vittorino da Feltre

Via libera del Comune di Taormina allo schema di gara per i lavori di recupero della ex scuola elementare Vittorino da Feltre. E’ stato pubblicato l’iter che dovrà adesso essere espletato presso l’Urega di Messina. L’apertura delle offerte che arriveranno verrà fissata proprio presso la sede dell’Urega di Messina, in via Geraci (edificio del Genio Civile), dopo la nomina della Commissione aggiudicatrice.

Gli obiettivi. Il Comune ha inteso procedere al fine di: 1) stabilire di provvedere alla scelta del contraente, relativamente ai lavori di «ristrutturazione e manutenzione straordinaria per l’adeguamento alle norme vigenti in materia di agibilità, sicurezza delle strutture e degli impianti, igiene ed eliminazione delle barriere architettoniche nel plesso scolastico Vittorino da Feltre nella via Cappuccini nel Comune di Taormina» dell’importo complessivo di €. 1.795.000,00 di cui €. 1.378.547,44 per lavori a base d’asta ed €. 41.452,56 per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso d’asta, ed €. 375.000,00 per somme a disposizione dell’Amministrazione, mediante pubblico incanto da esperirsi ai sensi dell’art. 95 del D.Lgs. n° 50/2016 e all’art. 9 della Legge n° 164 dell’11/11/2014, quindi con l’offerta economicamente più vantaggiosa; 2) dare atto che la presente determinazione è composta da schema di bando e da disciplinare di gara; 3) pubblicare il bando con le modalità previste all’art. 9, comma 2 lett. b), della Legge n° 164 dell’11/11/2014; 4) dare atto che il progetto è stato finanziato dal Dipartimento Regionale dell’Istruzione e della Formazione Professionale giusto D.D.S. n° 562 del 23/02/2016 per l’importo complessivo di €. 1.795.000,00, di cui €. 1.472.575,00 a carico della Regione ed €. 322.425,00 a carico del Bilancio comunale; 5) disporre, ad avvenuta aggiudicazione dei lavori e comunque prima della stipula del contratto, la pubblicazione degli esiti di gara.

IL progetto. «Il Comune – si legge nella determina predisposta dagli uffici di Palazzo dei Giurati e nello specifico dal Responsabile per il procedimento, l’arch. Ramona Ponturo – è proprietario del plesso scolastico di scuola primaria sito in via Cappuccini denominato “Vittorino da Feltre” attualmente chiuso e sgomberato a seguito Ordinanza Sindacale n° 209 del 05/11/2004 e successiva Ordinanza Sindacale di trasferimento delle attività didattiche in altro plesso n° 237 del 09/12/2004; occorre intervenire, presso la scuola Elementare “Vittorino da Feltre” con interventi di recupero edilizio, manutenzione straordinaria e adeguamento sismico di una porzione della struttura; L’Ufficio Tecnico e il professionista incaricato hanno predisposto il progetto per “Adeguamento dei sistemi di sicurezza delle scuole di Taormina centro, Mazzeo e Trappitello. Progetto di ristrutturazione e manutenzione straordinaria per l’adeguamento alle norme vigenti in materia di agibilità, sicurezza delle strutture e degli impianti, igiene ed eliminazione delle barriere architettoniche, nel plesso scolastico “Vittorino Da Feltre”».

I costi. Il progetto esecutivo – 1° stralcio funzionale prevede «un importo complessivo di € 1.795.000,00 di cui € 1.420.000,00 per lavori suddivisi in € 926.565,94 per lavori a base d’asta, € 41.452,56 per oneri della sicurezza e € 451.981,50 per oneri della manodopera, oltre a € 375.000,00 per somme a disposizione dell’Amministrazione Comunale». L’opera in oggetto è stata finanziata dal Dipartimento Regionale dell’istruzione e della Formazione Professionale con decreto n. 562 del 23/02/2016 per l’importo complessivo di un milione 795 mila euro, di cui €. 1.472.575,00 a carico della Regione ed €.322.425,00 a carico del Bilancio comunale. Il Comune ha ritenuto opportuno a questo punto «provvedere all’adozione di ogni utile determinazione in ordine alla scelta del sistema di realizzazione del progetto di cui in oggetto e pertanto alla scelta del relativo metodo di contrattazione, al fine di poter essere in grado di iniziarne sollecitamente l’esecuzione». In tal senso è stato chiesto all’Ufficio Regionale Espletamento Gare di Appalto – Sezione Provinciale di Messina l’espletamento della gara. Il Comune ha ritenuto, altresì, di «provvedere alla scelta del contraente, mediante pubblico incanto da esperirsi ai sensi dell’art. 95 del decreto legislativo n° 50/2016 e quindi all’offerta economicamente più vantaggiosa».

© Riproduzione Riservata

Commenti