Da sinistra: Franco Baresi, Eligio Giardina, Mario D'Agostino
Da sinistra: Franco Baresi, Eligio Giardina, Mario D'Agostino

Franco Baresi sbarca per la prima volta a Taormina. L’ex capitano del Milan, infatti, nella mattinata di giovedì 26 maggio è stato nella “Perla dello Jonio” per parlare di un progetto di calcio giovanile. Al tavolo dei relatori, oltre alla bandiera rossonera, c’erano, tra gli altri, anche il sindaco Eligio Giardina, il vicesindaco Mario D’Agostino e l’ex  attaccante di Roma e Napoli, Massimo Agostini. Prima dell’incontro, Baresi era stato a passeggio sul corso e si era fermato al Wunderbar, ospite del tifoso milanista Giorgio Siligato, per un drink.

«Milan presto competitivo». «Il Milan – spiega Baresi – è un grande club e sono sicuro che al più presto si riprenderà. Bisogna puntare sui giovani e sui giocatori italiani che il più delle volte sono sottovalutati. Alle volte siamo condizionati dagli stranieri. Abbiamo fatto esordire Gianluigi Donnarumma, Davide Calabria e Mattia De Sciglio e questo per noi è un grande vanto. Il calcio è fatto anche di cicli, fai un paio di annate così e poi è difficile riprenderti. Ma il Milan è una grande società e vi assicuro che presto saremo competitivi».

«Il Catania ha commesso tanti errori». «Il Calcio Catania – continua Baresi – ha commesso tanti errori ed è per questo che si trova nella situazione attuale. Il club rossazzurro ha bisogno di rilanciarsi e per farlo ha bisogno di gente più professionale, che abbia passione e che pensi al bene comune».

Puntare sui giovani. Baresi, che è rimasto incantato da Taormina, ha parlato soprattutto di calcio giovanile. «Ai ragazzi che si apprestano a partecipare al Milan Camp – conclude l’ex capitano – posso assicurare che sarà un’esperienza positiva. I calciatori in erba saranno seguiti da tecnici esperti e preparati che conoscono molto bene il mondo del calcio minore. L’obiettivo, ovviamente, è quello di fare divertire i giovani. Per loro deve essere una settimana di svago, fermo restano che tutte le società devono comunque puntare sui giovani. Io ringrazio il sindaco Eligio Giardina, il vicesindaco Mario D’Agostino, gli organizzatori e tutti coloro che si sono adoperati per permettere a questa iniziativa di partire con il piede giusto».

© Riproduzione Riservata

Commenti