Giuseppe Sterrantino, presidente del Comidi, Comitato Insieme per i Nostri Diritti
Giuseppe Sterrantino, presidente del Comidi, Comitato Insieme per i Nostri Diritti

Il Comitato “Insieme per i Nostri Diritti” torna a sollecitare chiarezza sull’irrisolta questione dell’ acqua torbida a Trappitello. Il mistero delle infiltrazioni di fango in concomitanza con le piogge non ha ancora trovato risposta e una nota è stata inviata nelle scorse ore dal presidente del “Comidi”, Giuseppe Sterrantino, al sindaco di Taormina, all’assessore ai Lavori pubblici e ad Asm, e per conoscenza al Genio Civile di Messina e al Prefetto di Messina.

Delucidazione ed aggiornamenti. «Con questa missiva – scrive Sterrantino – si chiede al sindaco del Comune di Taormina di ottenere aggiornamenti in merito alle risultanze del sopralluogo (ottenimento verbale richiesto dal Genio Civile) del 6 aprile 2016, presso i pozzi di approvvigionamento idrico di via Santa Filumena ed alle azioni che sono state e verranno intraprese in merito alla risoluzione del gravoso problema». Sterrantino fa riferimento al sopralluogo del 6 aprile scorso, tenutosi ai pozzi dell’acquedotto di contrada Santa Filumena a Trappitello, alla presenza dei tecnici del Genio Civile e del portavoce all’Ars del Movimento Cinque Stelle, on. Valentina Zafarana, che aveva richiesto tale accertamento sullo stato della situazione.

Le possibili cause. Nella circostanza si decise di prevedere l’impiego di alcune telecamere per scandagliare i pozzi ed accertare le condizioni della falda. Si è anche ipotizzato che il problema possa riguardare uno dei due pozzi attivi, quello realizzato nel 1985 con camicia in metallo. Ma, al momento, non si sono più registrati più ulteriori sviluppi in tal senso e si attende che venga effettuato questo accertamento. La stagione del “bel tempo”, dunque, non manda in vacanza il pressing dei cittadini che vogliono chiarezza su quanto accaduto in questi anni e che soprattutto si augurano venga accertata la causa del problema affinché l’emergenza non si ripeta più.

© Riproduzione Riservata

Commenti