Giardini Naxos, Via Umberto
Giardini Naxos, Via Umberto

La strada veloce Taormina-Trappitello diventa realtà. A seguito di un’ennesima riunione svoltasi nelle scorse ore è stata raggiunta, infatti, un’intesa tra i sindaci per l’inserimento del progetto tra le opere da finanziare nella seconda fase del Masterplan Messina, con la prospettiva di un intervento cantierabile già nel 2017. Lo hanno reso noto i sindaci di Taormina e Castelmola che insieme ai colleghi della Valle dell’Alcantara hanno sostenuto l’iniziativa.

Soddisfazione. «E’ un fatto storico – afferma il sindaco di Taormina, Eligio Giardina -, l’opera potrà essere finanziata tra i 62 milioni di euro della seconda tranche del Masterplan ed avrà un costo di 8 milioni di euro. Abbiamo denominato il progetto: strada Valle dell’Alcantara-Trappitello-Ospedale di Taormina-Castelmola. E’ un’opera che interesserà tutto il comprensorio. E’ già pronto il progetto preliminare, ed al nostro fianco si sono battuti anche i sindaci della Valle Alcantara, tra i quali quelli di Francvilla, Roccella, Mojo Alcantara, oltre che ovviamente quelli di Castelmola e Giardini. Devo dare atto di questo successo al vicepresidente del Consiglio, Vittorio Sabato, che ha sempre creduto in questo progetto anche quando si era arenato: oggi la sua tenacia ha portato al risultato sperato». L’accelerazione di questi giorni, in effetti, dà ragione all’incrollabile caparbietà di Sabato, sostenitore della prima ora della “superstrada”. L’imprenditore taorminese, non si è rassegnato a veder finire l’opera in un cassetto e a più riprese ha esortato e spinto la politica cittadina e del comprensorio a credere nella possibilità di concretizzare l’iter finalizzato al collegamento diretto tra il centro storico di Taormina, la popolosa cittadina di Trappitello e la Valle dell’Alcantara.

Impegno mantenuto. «E’ senza alcun dubbio un successo anche per noi – commenta Orlando Russo, sindaco di Castelmola -. Anche Castelmola ha fatto la propria parte, e avremo un collegamento diretto e rapido tra Taormina e Mastrissa, che è parte integrante del progetto. Mastrissa adesso diventerà nei fatti prosecuzione territoriale di Taormina. E’ un altro impegno mantenuto con i cittadini, ed in generale questo progetto rappresenterà una novità epocale per la viabilità dell’hinterland. L’unione fa la forza e anche questa vicenda dimostra che questo comprensorio per crescere ha bisogno, in maniera imprescindibile, della sinergia e della condivisione di intenti tra tutti i vari amministratori. Abbiamo fatto squadra e in tal modo abbiamo ottenuto un risultato di importanza storica».

Collegamento veloce. La nuova arteria segnerà una svolta anche per Giardini, visto che bypasserà la via Umberto andando ad alleggerire la pressione veicolare che grava sulla principale arteria di Naxos. Si avrà una novità di assoluto rilievo andando così pure ad evitare quei frequenti intasamenti a Giardini che rappresentano un problema per i mezzi di soccorso come le ambulanze che devono transitare lungo la principale arteria di Giardini. La strada veloce che collegherebbe Taormina centro e Trappitello in circa 5 minuti si estende su un tracciato già in parte esistente e quindi da sistemare e rendere funzionale. L’opera potrebbe essere cantierabile nel secondo semestre del prossimo anno. Taormina, intanto, è riuscita ad inserirsi in extremis anche nella prima tranche del “Masterplan” che riguarderà da Roccella a Scaletta soltanto opere di bitumazione di strade provinciali interne, e 250 mila euro interesseranno la sistemazione della strada che va dall’ospedale “San Vincenzo” a “Mastrissa”. Non vi sono state possibilità di inserire altre opere nella prima fase del Masterplan per una questione di tempistica, poichè veniva richiesta l’immediata disponibilità di progetti esecutivi che nel caso specifico della Perla dello Jonio non erano pronti.

© Riproduzione Riservata

Commenti