Taormina, via Fazello
Taormina, via Fazello

Avviata una petizione dei residenti di via Fazello per chiedere al Comune la riapertura della centralissima arteria da tempo chiusa al traffico veicolare a seguito dei lavori di ristrutturazione di Palazzo Ciampoli. L’edificio storico è stato sottoposto dalla Regione a maquillage a partire dal 2013 e l’apertura al pubblico è già avvenuta il 29 dicembre scorso. Via Fazello è rimasta chiusa per tutto il corso dei lavori in zona che hanno riguardato l’edificio: i residenti, adesso che Palazzo Ciampoli è stato rifunzionalizzato e che i lavori sono terminati da qualche mese, vogliono che riprenda il passaggio veicolare in quella strada che scorre parallela a monte di Corso Umberto.

Verso la conferma della chiusura. L’impedimento in via temporanea al passaggio dei mezzi in concomitanza con i lavori di Palazzo Ciampoli si è tramutato a quanto pare in una scelta a lungo termine, almeno sin qui, da parte del Comune. L’Amministrazione pare intenzionata a confermare, in sostanza, la chiusura della strada anche in prospettiva. Per questo i residenti vorrebbero, invece, una rivisitazione della situazione.

Le ordinanze. Via Fazello era stata interessata da ordinanze riferite al cantiere di Palazzo Ciampoli con una prima disposizione da parte del sindaco Eligio Giardina avvenuta il 6 novembre 2013. «La chiusura al traffico veicolare della via Fazello per i lavori di restauro del Palazzo Ciampoli – afferma Giardina nella più recente ordinanza emanata in tema – non ha comportato inconvenienti. Adesso, in via sperimentale, dovrà essere vietato il transito e la sosta di tutti i veicoli in via Fazello, ad eccezione di quelli dei residenti nella predetta strada, anche con l’istallazione di appositi dissuasori». La situazione di via Fazello è da parecchi anni oggetto di frequenti discussioni in città tra chi è favorevole alla pedonalizzazione e chi ritiene si possa continuare a far passare i mezzi. Ora il dibattito si riapre.

© Riproduzione Riservata

Commenti