Curva sud Acireale Calcio
Curva sud Acireale Calcio

Per l’ Acireale calcio, dopo la sconfitta (1-0) nella finale play off di Eccellenza con la Sicula Leonzio, arriva una mazzata anche dal giudice sportivo. In base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari. Ammenda di 800 euro all’Acireale «per reiterato lancio di petardi sul terreno di gioco, da parte di propri sostenitori e per presenza indebita di persone non autorizzate all’interno dello spiazzo antistante gli spogliatoi, a fine primo tempo ed a fine gara; per gravi manifestazioni di intemperanza nei confronti di un assistente arbitrale, altresì attinto ripetutamente da sputi, da parte dei suddetti sostenitori che, inoltre, si introducevano, a fine gara, sul terreno di gioco assumendo contegno minaccioso ed aggressivo nei confronti dello stesso assistente; e, infine, per avere, persone riconducibili alla società, assunto grave contegno offensivo nei confronti di organi federali, sempre a fine gara». Ammenda di 150 euro alla Sicula Leonzio «per lancio di rotoli di carta ed un petardo sul terreno di gioco, da parte di propri sostenitori; per presenza indebita di persone non autorizzate all’interno dello spiazzo antistante gli spogliatoi, a fine primo tempo e a fine gara».

Filippo Vittorio fermato per 5 anni – Squalifica di 5 anni (fino al 1° maggio 2021) al calciatore Filippo Vittorio (Acireale) «per contegno offensivo e minaccioso nei confronti dell’arbitro e per averlo colpito con un violento pugno alla nuca, provocando forte dolore e la necessità di ricorrere a cure ospedaliere, a fine gara. La sanzione comminata, ai sensi dell’art 16, comma 4 bis, del Codice di Giustizia sportiva, sarà considerata ai fini dell’applicazione delle misure amministrative poste a carico delle società dilettantistiche e di Settore Giovanile, deliberate dal Consiglio Federale per prevenire e contrastare le condotte violente nei confronti degli ufficiali di gara». Squalifica per 4 gare a Simone Arcoria (Acireale) «per contegno offensivo e minaccioso nei confronti dell’arbitro ed offensivo nei confronti del designatore arbitrale, a fine gara».

Giuseppe Candido “ai box” per 4 anni – Squalifica di 4 anni (fino al 30 giugno 2020) al massaggiatore Giuseppe Candido (Acireale) «per avere colpito l’arbitro con un violento calcio alla caviglia destra, provocando forte dolore, a fine gara. La sanzione comminata, ai sensi dell’art 16, comma 4 bis, del Codice di Giustizia sportiva, sarà considerata ai fini dell’applicazione delle misure amministrative poste a carico delle società dilettantistiche e di Settore Giovanile, deliberate dal Consiglio Federale per prevenire e contrastare le condotte violente nei confronti degli ufficiali di gara».

Emanuele Merola inibito fino a fine 2016 – Inibito fino al 31 dicembre 2016 il dirigente Emanuele Merola (Acireale) «per proteste nei confronti dell’arbitro; non chè, a fine gara, per avere assunto grave contegno aggressivo e per avere spintonato un assistente arbitrale».

© Riproduzione Riservata

Commenti