Alessandra Caltabiano, consigliere del gruppo ProgettiAmo e Franco Parisi, presidente Aipt

E’ scontro tra l’Associazione Imprenditori per Taormina e il presidente della Quarta Commissione, Alessandra Caltabiano. Quest’utima non ha gradito la nota di Aipt sui suoli pubblici e replica proprio all’associazione commercianti che aveva lamentato di non essere stata invitata a prendere parte alla discussione a Palazzo dei Giurati sulla riforma dei canoni di concessione degli spazi pubblici. «Sono sempre stata una fautrice di sinergie e collaborazioni tra il pubblico e il privato – afferma Alessandra Caltabiano – perché è chiaro ed evidente che laddove non arriva l’Amministrazione potrebbe e dovrebbe arrivare il privato, e nel ribadire questa mia convinzione, tengo a ribadire anche quella che è la posizione della Quarta Commissione da me presieduta e che sta lavorando in modo serio sulla questione dei suoli pubblici».

Inesattezze dall’Aipt. «L’Associazione Imprenditori lamenta di non essere stata invitata a prendere parte alla discussione ma questo non corrisponde al vero. E’ invece evidente che Aipt non ha dato alla Commissione consiliare nessun apporto significativo. L’Associazione Imprenditori, al di là dei soliti proclami, non ha prodotto alcun atto concreto in favore dei commercianti di Taormina e ciò dovrebbe far riflettere. Per questo dissentiamo da quanto contenuto e riportato in quel documento. Dove sono stati in questi mesi i responsabili dell’Associazione Imprenditori? Dov’era Aipt mentre in Comune si discutevano le problematiche del commercio e perlomeno si tentava di trovare qualche soluzione? Aipt, a mio avviso, dovrebbe affrontare i problemi a monte e non dopo sette mesi. Non bastano comunicazioni periodiche alla stampa per assolvere al compito al quale si è chiamati a tutela degli associati. Noi sin qui vediamo solo proclami soltanto opinioni e proclami, ma non ci sono proposte e atti concreti».

Critiche semplicistiche. «Non è la prima volta che ci troviamo di fronte a queste considerazioni da parte dell’Associazione Imprenditori e a critiche che appaiono abbastanza semplicistiche. Noi ci stiamo impegnando per risolvere i problemi, siamo una commissione consiliare e non siamo l’Amministrazione ma perlomeno ci stiamo dando da fare. Auspichiamo che un apporto in termini di collaborazione e di proposte arrivi anche dall’associazione di categoria».

© Riproduzione Riservata

Commenti