«Urgono tanti interventi da eseguire in fretta nella zona a mare di Taormina e vanno eseguiti prima della stagione balneare. Non c’è più altro tempo da perdere». A dichiararlo e ad effettuare un resoconto operativo delle opere necessarie nel litorale della cittadina turistica è Giovanni Aucello, delegato per la frazione di Mazzarò dell’Amministrazione. Aucello da tempo sollecita una serie di interventi sostanziali, ma intanto sarebbe già un primo passo l’attuazione di «piccole opere, che potrebbero migliorare le condizioni generali delle spiagge».

Le criticità. «Per essere più chiaro – ha detto Aucello – voglio fare l’esempio della spiaggia di Isola Bella, dove occorre allestire un bagno pubblico. Esistono poi due docce nella baia. Entrambe sono vecchie ed andrebbero sostituite con altre nuove e più funzionali». La zona a mare, nel tratto di Mazzarò, ha subito pesanti danni in occasione delle forti piogge dello scorso autunno. Piccoli aggiustamenti andrebbero pensati nelle scalinate di accesso, come la collocazione di alcune ringhiere di sicurezza. «Soprattutto la zona delle barche – prosegue Aucello – andrebbe particolarmente attenzionata. Qui si trovano tante imbarcazioni che sembrano abbandonate ed andrebbero rimosse». Tutti, interventi che dovrebbero rientrare nella necessaria attuazione di un “piano spiagge” da porre in essere in tempi immediati. Il delegato chiede anche un potenziamento della raccolta rifiuti a Spisone e Mazzeo.

I disagi nella scorciatoia del Bove Marino. «E’ necessario – prosegue Aucello – anche sistemare la scorciatoia del Bove Marino. I turisti che vogliono raggiungere Taormina centro da questa passeggiata pedonale arrivano sino ad un punto dove la strada è impraticabile. Erano state collocate delle transenne per segnalare il problema ma, addirittura, sono state rubate da ignoti». Infine la questione della sicurezza in mare. «Da anni non ci sono più controlli – afferma Aucello – ma sarebbe, a questo punto, utile ripensare ai corridoi di lancio per le barche da collocare nelle anse della baia di Isola Bella. Un’iniziativa questa, che va avviata subito dopo il primo maggio per evitare che qualche mareggiata pre-estiva vada a scombussolare quanto approntato».

© Riproduzione Riservata

Commenti