Il Comune di Castelmola è stato inserito nel Piano del fabbisogno regionale in materia di edilizia scolastica per il triennio 2015-2017. L’Ente ha presentato istanza per il progetto relativo alla scuola primaria di via Giosafat, in località Giardino. L’importo del finanziamento richiesto è di 650 mila euro. L’opera è stata inserita nel Programma Triennale delle Opere Pubbliche 2015/2017 e prevede la ristrutturazione e la realizzazione di strutture e servizi annessi all’edificio scolastico, con miglioramento strutturale ed igienico funzionale. In progetto anche l’adeguamento dell’impianto di riscaldamento ed elettrico.

Priorità. Il progetto del Comune di Castelmola occupa la posizione numero 105 per l’annualità 2016. Anche Malvagna ha ottenuto l’inserimento in graduatoria e si trova quattordici posti più avanti: l’importo del finanziamento richiesto è di circa 533 mila euro per la Scuola Statale. Presente anche Savoca con due richieste: una da 595 mila euro per la scuola primaria “S. Muscolino” (87esima) e una da 862 mila euro per la scuola secondaria di primo grado della frazione di Rina (104esima). Tutti con codice di priorità “tre”, perché ammessi in coda a quelli che si trovavano già in graduatoria: c’è Giardini Naxos con il progetto relativo alla scuola elementare “A. Cacciola” e, per rimanere, nel comprensorio jonico-alcanterino, ci sono anche Scaletta Zanclea (scola media F. Giacobbe), Roccalumera (scuola dell’infanzia di Sciglio), Furci Siculo (scuola materna centro), Forza d’Agrò (scuola elementare), Letojanni (Istituto Comprensivo O. Biondo), Mongiuffi Melia (scuola elementare centro) e Mojo Alcantara (scuola Giovanni XXIII).

Certezza del finanziamento. L’inserimento negli elenchi regionali non fornisce al momento alcuna garanzia ufficiale che i fondi arriveranno a destinazione. Le graduatorie sono state pubblicate con D.D.G. del Dipartimento dell’Istruzione e della Formazione Professionale del 31 marzo 2016; con successivo decreto si procederà all’individuazione degli interventi che saranno ammessi a finanziamento nei limiti delle risorse assegnate alla Regione Sicilia, secondo i codici di priorità.

© Riproduzione Riservata

Commenti