Situazione critica a S.Alessio – Viabilità in tilt nella riviera jonica a causa della mareggiata che sta imperversando ormai da ieri sera sul litorale. Chiuso un tratto di lungomare a S. Alessio Siculo, uno dei centri maggiormente a rischio a causa dell’erosione costiera che ha “cancellato” la spiaggia. Su un ampio tratto del lungomare di Roccalumera, invece, si procede solo in direzione Catania-Messina per consentire ai mezzi, già in azione, di ripulire la carreggiata, invasa da sabbia e detriti trasportati dalle onde.

Nessun provveddimento – Situazione analoga a Furci Siculo, con il lungomare completamente invaso dai marosi. L’Amministrazione comunale, al momento, non ha adottato alcun provvedimento e il transito sulla via marina continua ad essere libero e senza limitazioni, nonostante l’evidente e pericolosa presenza di sabbia sulla carreggiata. Situazione decisamente migliore a Nizza di Sicilia e Alì Terme. In quest’ultimo comune, le onde hanno superato il muretto di protezione soltanto nel tratto antistante l’istituto Maria Ausiliatrice trasportando sull’asfalto modiche quantità di sabbia.

Lungomare senza protezione – A S. Alessio, invece, è attualmente chiuso al traffico il tratto di lungomare da via Torrente Salice a via Domenico Costa, dove le onde hanno invaso la carreggiata. Si tratta della zona non ancora protetta dalla barriera frangiflutti la cui ultimazione è stata interrotta da qualche mese senza alcuna certezza sui tempi di ripresa dei lavori. Sabbia sul lungomare anche nella zona centrale di S. Teresa di Riva, in particolare nella zona del Gambero, dove l’erosione marina ha ridotto sensibilmente la lunghezza della spiaggia.

© Riproduzione Riservata

Commenti