Pinuccio Composto, capogruppo
Pinuccio Composto, capogruppo "ProgettiAmo Taormina"

I disagi nel presidio ospedaliero – “ProgettiAmo Taormina” chiede all’Amministrazione comunale di attenzionare la situazione dell’ospedale San Vincenzo di Taormina. Il gruppo consiliare di opposizione formato da Pinuccio Composto (capogruppo), Nunzio Corvaia, Alessandra Caltabiano e Liliana Tona sollecita la casa municipale ad attivarsi presso la Regione, e all’Asp, per risolvere le difficoltà in atto in alcuni reparti del presidio di contrada Sirina. Tra le questioni evidenziate c’è il reparto di Ortopedia, dove pure qualche cittadino di recente aveva lamentato il mancato funzionamento di un macchinario per il femore. E c’è il Pronto Soccorso, dove continuano le lunghe file di pazienti, i medici sono insomma sotto pressione e costretti a fronteggiare ogni giorno una situazione non semplice.

I reparti in sofferenza – «L’Ospedale di Taormina – dichiara il capogruppo Composto – vive una fase di difficoltà. Se ne parla poco ma è giusto dirlo. I reparti soffrono. L’Ortopedia è da due mesi che non va bene, il Dipartimento di Immagini manca degli strumenti per poter operare. La Cardiologia non fa più ricoveri e ogni volta i pazienti devono andare in giro per tutta la Sicilia, vengono spostati con le ambulanze in altri ospedali. Eppure – continua il consigliere d’opposizione – questo nostro ospedale era sino a qualche tempo fa un autentico modello di riferimento e persino i ministri venivano a dire che questo nosocomio rappresentava un esempio per la Sicilia e per il Sud. Oggi non è più così ed anzi, proprio nei mesi passati, è venuto un sottosegretario del governo, e il sindaco in quella circostanza aveva indicato i problemi e le soluzioni per superare le criticità, ma nulla si è risolto e nulla è stato fatto. E non può essere dimenticata la situazione critica del Pronto Soccorso, che ha sempre problemi ed interminabili file di pazienti in continuazione, e che ha difficoltà dal punto di vista strutturali. Noi di questa Regione siamo per forza di cose scontenti. E allora dico all’Amministrazione comunale che sull’ospedale bisogna stare tutti insieme per battagliare e difendere gli interessi della città. Sul resto, sugli altri problemi locali, ci dobbiamo dividere perché abbiamo una visione diversa delle cose e il nostro gruppo consiliare è convinto che non si amministra come attualmente viene governata Taormina».

© Riproduzione Riservata

Commenti