Biblioteca Taormina

Il fondo antico della biblioteca nella sua sede naturale – In questi giorni nella sala grande dell’ex chiesa di S. Agostino, di recente restaurata con fondi regionali, si sta svolgendo una delicata fase di intervento negli scaffali lignei che dovranno presto ospitare i preziosi libri. Il trattamento anti termiti in corso dovrebbe impedire che i libri possano essere rovinati dall’azione degli insetti, come invece era avvenuto qualche anno fa.

I prossimi interventi – Una volta completato questo momento i libri torneranno nella sala grande, che è stata completamente liberata anche dai funghi che si erano formati sulle pareti e dall’umidità. Intanto i libri si trovano ben conservati in un altro salone dell’edificio e presto saranno riposti con la vecchia catalogazione. Come è noto, la Chiesa divenne sede della Biblioteca per ospitare il patrimonio librario degli ex conventi di S. Agostino, S. Domenico e parte di quello dei Cappuccini. Nel corso degli anni il Convento ebbe invece diverse destinazioni. Nel 1981 l’intero edificio venne restaurato e dal 1985 viene utilizzato come Biblioteca e sala polivalente. Adesso è stata oggetto degli interventi del cosiddetto museo diffuso.

Il patrimonio librario – La Biblioteca, nel complesso, possiede un patrimonio librario di oltre 28 mila volumi. Molto fornita è la sezione riservata ai libri sulla Sicilia che comprende oltre 2 mila volumi. Vi sono sezioni dedicate a saggistica, settore enciclopedico, narrativa e sezione ragazzi. Numerosi sono, inoltre, i volumi in lingua inglese, francese e tedesca quasi tutti datati fine ottocento – primi del novecento. Particolare rilevanza assume, appunto, il fondo antico, composto principalmente da trattati di teologia, filosofia e scienze. Questo prezioso patrimonio è composto da oltre 2 mila 300 volumi; tra questi, figurano alcune opere di particolare pregio, quali 14 manoscritti, 16 incunaboli, 1 testo arabo antico non datato, oltre 250 pregiati volumi del 1500 ed una interessante raccolta di testi editi dal 1600 al 1800.

© Riproduzione Riservata

Commenti