Mazzeo “cenerentola” di Taormina – Strade dissestate, ringhiere vecchie e arrugginite, verde pubblico abbandonato. Questa è la desolante fotografia di Mazzeo. I residenti ormai da anni invocano interventi di riqualificazione dell’intera area. Ma Palazzo dei Giurati è impegnato a risolvere questioni ben più importanti per prestare attenzione alle richieste della “cenerentola” Mazzeo. «L’amministrazione del sindaco Eligio Giardina, per il momento, sta ponendo l’attenzione su altri aspetti rilevanti – ha affermato il delegato della frazione Mazzeo, Salvatore Valerioti – ma anche noi esistiamo». La regina del turismo siciliano avrebbe a disposizione un’ulteriore attrattiva, rappresentata dalla zona a mare, che invece viene lasciata nel più totale abbandono. «La mancata manutenzione del lungomare, delle piazze e del verde pubblico di Mazzeo – continua Valerioti – non sono certamente un segnale di attenzione da parte della Giunta. Capisco le difficoltà nell’amministrare, ma chiediamo ormai da due anni più attenzione e rispetto».

Il vecchio ritornello della secessione – Le richieste dei residenti in questi anni sono tutte cadute nel vuoto. L’estate è alle porte e se non si interviene subito anche quest’anno Taormina non presenterà la più bella immagine del suo litorale ai turisti. L’insoddisfazione nella frazione marina cresce e si i ripropone il solito ritornello della secessione dalla Città del Centauro. Un gruppo di residenti rispolvera l’idea di una raccolta firme per proporre lo scorporo da Taormina e la successiva annessione al centro limitrofo di Letojanni. Ma secondo il delegato della frazione di Mazzeo, Salvatore Valerioti tutto rimarrà come è sempre stato: «Taormina non ha intenzione di cedere la frazione di Mazzeo e Letojanni non è interessato ad acquisirla». E i residenti? I residenti sperano ancora in interventi tempestivi che siano in grado di ridare decoro alla frazione.

© Riproduzione Riservata

Commenti