Un carico di lavoro troppo faticoso – L’ex assessore Nunzio Corvaia torna all’attacco del commissario liquidatore di Asm, il Comandante Agostino Pappalardo. Il consigliere di opposizione ha infatti chiesto all’Amministrazione comunale, nel corso di un suo intervento in aula consiliare, di «alleggerire il funzionario dai tanti incarichi che ha attualmente».

Gestione impossibile – «Il Comandante Pappalardo – ha detto Corvaia – non arriva a fare tutto. Bisogna prenderne atto. Il Comandante è oberato di deleghe e lo abbiamo detto a più riprese. Non può più gestire contemporaneamente Asm e i Servizi Sociali. Lo abbiamo ribadito anche nelle precedenti sedute di Consiglio comunale. Non è possibile che arrivino in aula delle delibere in extremis, all’ultimo minuto come quella per la centrale di committenza e le gare d’appalto. Taormina non può andare a rimorchio degli altri che fanno una gara d’appalto all’anno. Noi dobbiamo tornare Comune capofila. Noi non siamo più Comune capofila perché in questo Comune c’è improvvisazione, non c’è programmazione. Vedo, in questo caso, una proposta di delibera che ha per funzionario il dott. Pappalardo ma non c’è un responsabile del procedimento. E’ un esempio eloquente, con una delibera arrivata in aula all’ultimo minuto».

Un quadro disorganizzato – «Abbiamo chiesto e riconfermiamo – ha aggiunto Corvaia – la nostra idea e cioè che il Comandante Pappalardo, a nostro avviso, dovrebbe essere esentato da alcune deleghe come quella dei Servizi sociali che richiede tantissimo tempo per affrontare le varie problematiche. Il Comandante non può allo stesso tempo concentrarsi su Asm e su viabilità e servizi sociali. Questa disorganizzazione non va».

© Riproduzione Riservata

Commenti