Andrea Raneri, presidente Consorzio Rete Fognante
Andrea Raneri, presidente Consorzio Rete Fognante

Comincia a prendere corpo il Patto dei Democratici per le Riforme di Taormina – Dopo varie riunioni tra il direttivo e i suoi membri si è confluiti sul nome di Andrea Raneri per la carica di coordinatore del gruppo politico taorminese. Andrea Raneri, presidente del Consorzio Rete Fognante, ha sposato il progetto e i valori portati avanti dal gruppo politico che fa riferimento al deputato regionale Beppe Picciolo. «Dopo essere stato il primo segretario del Partito Democratico di Taormina non avevo preso più la tessere di nessun altro partito – ci racconta il neo coordinatore del Pdr Taormina – Ho aderito al Patto dei Democratici per le Riforme perché credo ancora nella politica quella con la P maiuscola».

Gli interlocutori principali sono i giovani – «La politica deve dare frutti. E che siano buoni. È questo quello che la gente si aspetta da noi quando si reca alle urne – afferma Raneri – A Taormina le cose da fare sono tante, ma quella che mi sta più a cuore è la partecipazione della collettività, provare a ricucire il rapporto tra la politica e la gente comune». E un attenzione particolare la rivolge ai giovani: «Quei giovani sempre più lontani dalla politica, esclusi dal mondo del lavoro, devono avere un ruolo da protagonista nella nostra società. Il mio obiettivo è quello di far rinnamorare i giovani della politica e il partito – continua Raneri – costituisce ancora l’unico strumento che i ragazzi hanno a disposizione per avvicinarsi alla politica, alla cosa pubblica».

«Lavorare tutti insieme per rendere più efficiente l’azione amministrativa» – Se coinvolgere i giovani rappresenta il principale obiettivo politico, dal punto di vista amministrativo «il Pdr Taormina mira all’efficacia delle istituzioni. Dobbiamo colmare – sottolinea Raneri – quelle lacune che hanno provocato il distacco dei cittadini». Il ruolo di portavoce della componente politica a Taormina è stato “benedetto” dal deputato di riferimento, on Beppe Picciolo e dal coordinatore provinciale di PdR – Sicilia Futura, Santino Calderone. Mario D’Agostino, responsabile del movimento nella fascia jonica e vice coordinatore provinciale, insiste sulla necessità di portare avanti con chiarezza una progettualità politica : «Andrea Raneri è persona di grande esperienza, ed è senz’altro un punto di riferimento importante nella nostra comunità. Ha sempre dimostrato serietà ed affidabilità nel suo impegno politico, dunque riponiamo molta fiducia nelle sue capacità di veicolare il gruppo in un progetto in cui i valori e la capacità progettuale siano le assi portanti».

La vicinanza del consigliere Nino Moschella – A svolgere dall’interno questo compito per il Pdr – Sicilia futura di Taormina saranno dunque il vicesindaco e assessore alla Cultura, Mario D’Agostino, e i consiglieri Antonio Lo Monaco, Salvo Brocato e Salvatore Abbate. Molto vicino al gruppo dell’on. Beppe Picciolo, inoltre, è il consigliere comunale Nino Moschella, considerata personalità di spicco della comunità taorminese, e sul cui ingresso in squadra il gruppo Pdr locale investe molto. «Per fare grandi cose, per raggiungere ottimi risultati, abbiamo bisogno di coinvolgere quante più persone possibile: dagli amministratori ai cittadini. Potrei fare grandi proclami, ma ad oggi non mi sento di aggiungere altro – conclude Raneri – Preferisco i fatti alle parole».

© Riproduzione Riservata

Commenti