Acqua potabile Consiglio comunale Taormina

L’argomento al vaglio del civico consesso – Convocato per il 16 febbraio il Consiglio comunale sul “caso acqua”. Lo ha deciso il presidente del Civico consesso, Antonio D’Aveni, che ha previsto per martedì una seduta consiliare urgente con al primo punto dell’ordine del giorno la vicenda che da tempo ormai tiene banco: quella che riguarda la potabilità del prezioso liquido nella popolosa cittadina di Trappitello, in discussione ormai dal 2012, e la iper-clorazione che ha caratterizzato la fase più recente. La vicenda verrà affrontata martedì sera (ed eventualmente in successiva convocazione prevista per giovedì 18 febbraio) con la discussione in aula di una mozione presentata lo scorso gennaio dal consigliere Carmelo Leonardi, insieme al collega Salvo Abbate e con lo stesso D’Aveni, tra le cui righe si richiede chiarezza in via definitiva sulla spinosa problematica che tiene col fiato sospeso da quattro anni i residenti della frazione di Trappitello. La discussione dell’argomento verrà seguita da vicino dal Comitato “Insieme per i Nostri Diritti”, costituitosi appositamente nei mesi scorsi per affrontare questa (ed altre) vicissitudini in atto nel territorio di Trappitello. E c’è anche l’occhio vigile del Movimento Cinque Stelle, il cui deputato regionale Valentina Zafarana ha scritto al Genio Civile ed agli assessorati e dipartimenti regionali di merito, avanzando relativa richiesta di verifica delle cause dell’intorbidamento delle acque attinte dal pozzo “Santa Filomena” a Trappitello.

Si attendono provvedimenti – Sta arrivando, insomma, il momento della verità in questa tormentata vicenda che da quattro anni va avanti tra periodiche emergenze, dibattiti e ipotesi che, nei fatti, non vengono accompagnate poi da certezze definitive. A questo punto si attende che il Consiglio comunale riesca a fare chiarezza su quanto accaduto e che si pongano soprattutto le basi per evitare nuove emergenze e altre infiltrazioni ai mototi dell’acquedotto di Trappitello. Il banco di prova pare imminente anche perchè le piogge stanno tornando e bisogna evitare che, insieme al maltempo, possa riaffacciarsi il tanto paventato rischio di riavere il liquido di colore marrone a sgorgare dai rubinetti dalle abitazioni

© Riproduzione Riservata

Commenti