Taormina, Via Crocefisso
Taormina, Via Crocefisso

Ripresi i lavori – E’ stato riaperto il cantiere che da mesi era ormai bloccato per i mancati versamenti, tuttora dovuti dalla Regione all’impresa incaricata per l’ammodernamento della principale strada sud di Taormina. I versamenti conclusivi non erano stati erogati e a tutt’oggi , come detto, sono arrivati ma il Comune ha svolto opera di “mediazione” proprio con l’impresa convincendola a far riprendere intanto le opere. La strada ovviamente è ancora chiusa e i disagi vengono alleviati solo grazie alla disponibilità del bypass viario di via Fontanelle. «I lavori sono ripresi – spiega l’assessore ai Lavori pubblici, Gaetano Carella – e ci siamo trovati d’accordo con l’impresa nel ritenere che fosse la soluzione migliore anche per non vanificare quanto era stato fatto sino a questo momento. Anche a detta dell’impresa le piogge e i temporali che potrebbero verificarsi rischierebbero di creare danni in alcuni punti dove il cantiere era rimasto bloccato ed evidentemente quanto posto in essere non era stato poi completato».

Carella fa il punto – «Abbiamo ripresentato a Palermo formale istanza – continua Carella – per sollecitare il pagamento del quinto e sesto saldo all’impresa, per un ammontare complessivo di circa 320 mila euro. Al momento tutto è fermo al pagamento del quarto saldo avvenuto nell’autunno 2015. Ci è stato comunicato da Palermo che la questione dovrebbe sbloccarsi a breve e che dal 2 novembre 2015 la cassa regionale era stata, in pratica, chiusa ed era stato bloccato qualsiasi versamento per queste tipologie di interventi. La cassa sta riaprendo adesso e andrò a Palermo nei prossimi giorni. Ci dicono che quelle somme arriveranno presto. Vedremo se sarà cosi nei fatti». La ditta incaricata si è rimessa a lavoro e in questa fase si sta soffermando, in particolare, sul consolidamento del muretto in zona “Previti”, dove dal 2008 si attende che venga realizzato un intervento di allargamento e consolidamento del tracciato e dove si era verificata una frana che solo per circostanze fortuite non ebbe conseguenze drammatiche. «In questa fase – aggiunge Carella – verranno effettuati anche i lavori per la sistemazione delle fognature, per i quali il Comune ha stanziato nei mesi scorsi 25 mila euro».

Sette mesi di tempo perso – Ma, in definitiva, quel che si chiedono i residenti e i vari utenti di questa trafficata arteria è quando potrà riaprire la via Crocefisso. «Non voglio più dare delle date e niente più annunci e previsioni. Non per colpa nostra ma della Regione sono stati persi 7 mesi di tempo. A questo punto possiamo solo dire che puntiamo a riaprire la via Crocefisso prima della stagione turistica», conclude Carella.

Riapertura in estate? – L’unica certezza è che sarà una corsa contro il tempo, perché anche se siamo ancora a febbraio, è altrettanto vero che c’è molto da fare. I lavori conclusivi per l’ammodernamento della via Crocefisso riguardano il versante a valle, dove occorre sistemare tutto quanto comprende l’allargamento delle pendenze, va rifatto l’impianto di illuminazione, va sistemato l’asfalto e c’è da realizzare insomma quell’insieme di condizioni di sicurezza essenziali alla riapertura.

© Riproduzione Riservata

Commenti