Mensa scolastica

35 mila euro per la mensa – L’Amministrazione comunale di Giardini Naxos, sovrintesa dal sindaco Nello Lo Turco, ha destinato con apposita delibera di Giunta del 28 gennaio scorso la cifra di 35 mila euro al servizio di refezione scolastica per il periodo che va dal 1 febbraio al 30 giugno. Il tutto consentirà nella località naxiota una fornitura mensile di circa 1780 pasti nei plessi scolastici, ad un costo medio di 3,8 euro a pasto.

L’impegno della Giunta Lo Turco – L’iter sin qui in vigore in questi mesi per la mensa scolastica era in scadenza il 31 gennaio 2016. Si tratta di un servizio obbligatorio che l’ente, come richiesto anche dalla Regione siciliana, deve garantire sulla base della normativa vigente “per la piena integrazione scolastica dei bambini e degli studenti che ne usufruiscono. Le somme stanziate nella delibera in oggetto, portata in Giunta dall’assessore ai Servizi Sociali Sandra Sanfilippo, verranno sostenute con un relativo impegno di spesa inquadrato nell’ambito del bilancio di previsione 2016.

Giardini non emula Taormina – E’ stato cosi predisposto per tempo un nuovo iter che interessa da vicino i vari plessi scolastici in un contesto che appare da sempre particolarmente delicato, e che non a caso sta incontrando parecchie difficoltà nella vicina Taormina dove i genitori hanno deciso in questi mesi di non aderire al servizio mensa per protestare contro i prezzi eccessivi imposti dal Comune. A Giardini invece l’iniziativa proseguirà ed è stata adesso regolamentata in vista della parte conclusiva dell’anno scolastico in corso. L’assessore Sanfilippo ha evidenziato l’importanza di “dare continuità” al servizio in questione e di garantire ovviamente “la necessaria qualità dei pasti” nei vari plessi scolastici interessati dal servizio di refezione scolastica, in un contesto nel quale c’è ovviamente anche una particolare e puntuale attenzione dei genitori degli studenti affinché tutto proceda per il meglio.

© Riproduzione Riservata

Commenti