Incidente di caccia, muore un cinquantenne di Casalvecchio Siculo
Casalvecchio Siculo

Un colpo accidentalmente partito dal suo fucile è costato la vita a un 50enne di Casalvecchio Siculo, Salvatore Santoro, residente nella frazione Rimiti. L’uomo era impegnato in una battuta di caccia solitaria quando dalla sua arma, un fucile calibro 12, è partito un colpo che l’ha centrato tra spalla e volto, provocandogli una ferita fatale. Il corpo senza vita è stato ritrovato nella tarda serata di ieri. Non vedendolo rientrare a casa, i familiari hanno lanciato l’allarme allertando i carabinieri della stazione di Sant’Alessio Siculo, competente per territorio.

Alle ricerche hanno partecipato anche numerosi abitanti della frazione Rimiti, nelle cui campagna l’uomo era impegnato nella battuta di caccia. Sono state perlustrate le zone prossime all’autovettura del 50enne fino al tragico ritrovamento. Il corpo di Santoro si trovava in contrada Mandraloconti. Sul posto sono giunti, i carabinieri del Ris di Messina, il medico legale e il magistrato di turno che ha autorizzato la rimozione della salma. Le indagini si sono subito indirizzate verso il tragico incidente. Santoro, sposato e padre di due figli, lavorava come collaboratore scolastico a Furci Siculo. La sua morte ha destato profonda commozione in tutto il comprensorio.

© Riproduzione Riservata

Commenti