Confronto in aula consiliare – «Chi ha goduto in questi anni del nome di Taormina Arte faccia ora concretamente la propria parte per salvarla. Non è più tempo di promesse e chiacchiere. Noi siamo pronti a tutto per risolvere il problema, ci aspettiamo che sia cosi anche a Palermo». Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio comunale, Antonio D’Aveni, a margine della riunione svoltasi martedì sera in Comune tra i consiglieri comunali e i lavoratori di Taormina Arte, che da tempo ormai senza stipendio sollecitano una svolta immediata per il loro futuro e per quello dell’ente culturale.

Panzera: «Ci auguriamo adesso possa esserci una forte e incisiva presa di posizione dei consiglieri» – «Abbiamo trasmesso ai consiglieri una dettagliata comunicazione sullo stato delle cose – ha detto il segretario generale di Taormina Arte, avvocato  Ninni Panzera – La situazione è evidentemente critica. Ci auguriamo adesso possa esserci una forte e incisiva presa di posizione dei consiglieri. Chiediamo di sapere, innanzitutto, se Taoarte rientra tra le priorità della città». Panzera auspica che possa esserci anche dal punto di vista formale «una piena presa di coscienza dei risvolti attuali della vicenda». «Siamo consapevoli che su Taormina Arte occorre trovare una soluzione e definirla soprattutto in fretta – spiega D’Aveni – Quella di martedì sera è stata una riunione, a mio avviso, proficua nella quale i dipendenti hanno nuovamente esternato la loro preoccupazione. Ma, come ho ribadito anche a loro, il Consiglio è tutto sulla posizione di difesa nei confronti di Taormina Arte, ed è chiaro che in questa vicenda non ci sono maggioranze e minoranze e siamo tutti concordi sull’esigenza di dover uscire da questo lunghissimo stato di impasse».

La Regione agisca – D’Aveni lancia un monito alla Regione: «la città di Taormina farà la propria parte ma ora anche gli altri devono fare lo stesso, e ci aspettiamo segnali fattivi di impegno da parte della Regione per risolvere questa crisi finanziaria. Relazionerò adesso al sindaco sull’esito della riunione, poi venerdì si insedierà il nuovo commissario ad Acta per la Fondazione. E soprattutto è in agenda oggi un incontro a Palermo tra gli assessori Barbagallo e Vermiglio».

Riunione organizzativa – «Tra lunedì e mercoledì prossimo  – conclude il presidente del Civico consesso – convocherò una nuova riunione con i lavoratori alla presenza del sindaco e della Giunta per stabilire il percorso. Non credo che sia necessario ora fare altri dibattiti in Consiglio comunale, che in pratica non risolverebbero il problema. E’ arrivato il momento della concretezza e di attuare un’azione incisiva nei confronti delle istituzioni regionali. Potrebbe essere opportuno portare avanti un tavolo di discussione, alla presenza di tutte le parti, proprio a Palermo».

© Riproduzione Riservata

Commenti