Il giornalista taorminese, Gaetano Saglimbeni
Il giornalista taorminese, Gaetano Saglimbeni

Addio a una storica firma del giornalismo taorminese Si è spento ieri, all’età di 83 anni, il giornalista e scrittore Gaetano Saglimbeni. Si trovava a Milano per un periodo di cure e nelle scorse ore è stato colto da malore mentre era nell’abitazione della sorella Maria. Per dieci anni cronista e redattore della Gazzetta del Sud a Messina, poi a Milano, redattore e inviato del settimanale Gente (fino alla pensione), Saglimbeni è stato anche collaboratore di vari quotidiani e periodici. Dal 1981 sino ai suoi ultimi anni di vita scrisse ben 16 libri e la sua prima opera fu “Taormina: la storia, i segreti, i baroni, i peccati, le follie”. In seguito fu autore di altre apprezzate fatiche letterarie tra le quali “Lady Chatterley a Taormina”. “Splendori e miserie della vecchia Hollywood”, “Dal vostro inviato”, “I grandi amori della storia, “Hollywood a Taormina”, ed infine “Taormina nel Mito” e “La figlioccia del boss”. Saglimbeni si occupò di cronache, cultura cinema, teatro, pittura, letteratura, moda, storia e sport: tanti settori come nello stile perfetto dei veri giornalisti di un tempo, quando fare questo mestiere richiedeva la capacità, la passione e la fatica di saper spaziare da un ambito all’altro della vita di tutti i giorni.

Il ricordo del nostro editore Maurizio Andreanò – “Avevo sentito Gaetano al telefono, pochi giorni fa, subito dopo l’intervento e ci eravamo ripromessi di vederci a Taormina. Mi rattrista pensare che si è spento lontano dalla sua amata Taormina. Di lui non potrò dimenticare mai quando lavoravamo alla correzione delle bozze dell’ebook “Lady Chatterley a Taormina” e la “Figlioccia del Boss”. Era un pignolo e perfezionista incredibile, un vero professionista. Mi chiamava anche 10 volte al giorno e mi inviava tantissime email. Le conserverò tutte con affetto. Un abbraccio forte alla moglie Concettina, compagna inseparabile e affettuosa di Gaetano.”

© Riproduzione Riservata

Commenti