Nello Lo Turco, Sindaco di Giardini Naxos
Nello Lo Turco, Sindaco di Giardini Naxos

Escluse opere fondamentali per lo sviluppo – «Il Masterplan di Messina non mi rappresenta, non tiene conto delle reali esigenze della zona jonica e non dà la dovuta importanza strategica a realtà come Giardini e Taormina». Lo ha dichiarato ieri il sindaco di Giardini Naxos, Nello Lo Turco, che ha espresso forti malumori sui 12 progetti elaborati nell’ambito della Città Metropolitana e da inserire nel “Patto per Messina”. «Sento parlare adesso di incontri da effettuare con una rappresentanza di sindaci della zona jonica ma di cosa dovremmo parlare esattamente? – afferma Lo Turco – Per quanto ci riguarda nel Masterplan non c’è il porto turistico di Giardini, non c’è la strada a monte di collegamento diretto tra Taormina, Giardini e Trappitello, non c’è neppure una previsione che riguardi il Consorzio Rete Fognante che riguarda gli impianti di depurazione del primo polo turistico siciliano. Personalmente sono molto deluso e contrariato da queste previsioni progettuali che non tengono conto dell’importanza strategica del nostro territorio».

Un errore rimanere in provincia di Messina – Lo Turco non nasconde, dunque, il suo malcontento e prende le distanze dall’iter del Masterplan. «Da quanto sto vedendo rimpiango che non abbia avuto seguito quella fase in cui c’era stata la possibilità di far passare il nostro Comune sotto la giurisdizione dell’ex Provincia di Catania o comunque di spostare l’asse territoriale sul versante etneo. Ho detto e riconfermo che noi non possiamo e non vogliamo andare al traino di nessuno. Non intendiamo essere la ruota di scorta o la stampella della zona tirrenica o del capoluogo».

Il porto, snodo fondamentale – «Abbiamo una nostra identità, una forte connotazione territoriale turistica, riteniamo- incalza Lo Turco – di avere tutto per essere protagonisti e non possiamo assistere, volta per volta, a queste situazioni in cui prima vengono decise le cose altrove e poi si parla di coinvolgerci a cose fatte. Il porto turistico di Naxos comprende Giardini e Taormina che insieme fanno 2 milioni di turisti ogni anno. Analogo discorso vale per la strada a monte, opera fondamentale della quale per altro esiste già un progetto al Prusst Valdemone: si parla di finanziare altre strade ma non questa iniziativa. Perchè? E la Rete Fognante è una realtà di assoluta importanza che non può essere posta in secondo piano». «Credo che la mia delusione – conclude Lo Turco – sia quella degli altri sindaci del versante jonico e lo stesso vale per i Comuni dell’Alcantara. Non è cosi che si dà pari dignità alle varie realtà dell’ex Provincia e non è cosi che si fa una politica di sviluppo e di crescita di questo comprensorio».

© Riproduzione Riservata

Commenti