È in corso, da parte degli uomini della Direzione Investigativa Antimafia di Catania, l’esecuzione di un decreto di confisca di beni, emesso dal Tribunale di Catania – Sezione Misure di Prevenzione, su proposta del Direttore della D.I.A., nei confronti di Antonino Sciacca, di anni 64, già condannato per il reato di associazione mafiosa, poiché inserito nel consesso malavitoso operante prevalentemente in Bronte e facente capo ai pluripregiudicati Francesco Montagno Bozzone e Salvatore Catania, federati alla egemone cosca mafiosa Santapaola-Ercolano. Il patrimonio confiscato comprende un’impresa esercente l’attività di frantumazione di pietre, rapporti bancari, quattro immobili e una decina di automezzi, per un valore complessivo di circa 3 milioni di euro.

© Riproduzione Riservata

Commenti