Graziella Longo e Piero Benigni, consiglieri comunali del Pd Taormina
Graziella Longo e Piero Benigni, consiglieri comunali del Pd Taormina

La questione degli ordini del giorno urgenti – Consiglio comunale presieduto dal vicepresidente Vittorio Sabato e aperto dall’intervento dell’esponente del Partito Democratico Graziella Longo. «Spesso in questa Aula vengono presentati ordini del giorno urgenti, ma questi argomenti devono avere una pregnanza tale da avere delle ripercussioni per quanto riguarda la nostra città. Nel caso specifico l’ultimo argomento trattato non era così pregnante, così poteva essere letto e trattato in una seconda seduta. Dico ciò perché quattro consiglieri comunali, in estate, avevano presentato un ordine del giorno urgente su Asm che ancora non è stato affrontato. Anzi, è stato scavalcato di volta in volta da altri ordini del giorno urgenti. La Corte dei Conti ci chiedeva di avere contezza sui bilanci di Asm, sia sui rapporti di dare-avere tra Asm e comune di Taormina».

«Una determina con cui si dà un incarico di 35 mila euro a un avvocato» – La Longo ha proseguito nel suo intervento ricordando un incontro fatto dal sindaco, qualche settimana fa, con una concittadina che vive nella frazione di Trappitello. Un modo, dal punto di vista dell’esponente del Pd, per ricordare come da alcuni mancati introiti è possibile incassare delle somme da spendere per la città. «Il sindaco, nel terzultimo Consiglio comunale, ha detto di aver avuto un incontro a Trappitello e aveva avuto modo di confrontarsi con una signora sulla tassa dei rifiuti solidi urbani. Il primo cittadino raccontava della difficoltà della signora di pagare l’imposta. Si mostrò rammaricato, ma non è stato detto nulla di concreto. Se fossi stato sindaco avrei detto alla signora di stare tranquilla, perché il comune si impegnerà a riscuotere il ticket della Madonnina per far usufruire a lei e agli altri cittadini di vari servizi, come il lungomare di Mazzeo, il Parco della Villa comunale». Infine la Longo ha voluto porre l’attenzione su una determina in cui è stato dato un incarico di un certo rilievo economico a un avvocato: «Vorrei richiamare l’attenzione dell’amministrazione, perché ho letto una determina con cui si dà un incarico di 35 mila euro a un avvocato».

© Riproduzione Riservata

Commenti