I consigliere di opposizione Carmelo Valentino
Consigliere di opposizione Carmelo Valentino

Nunzio Corvaia: «Serve un Commissario 24 ore su 24» – In attesa di conoscere i dati e le dichiarazioni del Commissario dell’Asm, Agostino Pappalardo, nella serata di ieri gli esponenti politici di Palazzo dei Giurati sono intervenuti sulla vicenda della municipalizzata. Nunzio Corvaia, consigliere comunale dell’Udc, ha chiesto all’amministrazione un Commissario che non eserciti la propria funzione part time: «Serve un Commissario 24 ore su 24, perché il dottor Pappalardo non può gestire tutte le deleghe che gli sono state assegnate. L’amministrazione deve alleggerire gli incarichi al Commissario». In seguito maggioranza e opposizione si sono confrontate su un emendamento proposto dal consigliere di minoranza Carmelo Valentino, che puntava a modificare l’atto di indirizzo sull’assunzione del personale a tempo determinato. L’ex assessore proponeva di rimuovere due vincoli dal precedente testo: «Che non abbia mai prestato servizio per Asm e che non abbia contenziosi con la stessa Asm né con il comune di Taormina».

Composto: «Il lavoratore che è disoccupato e risiede a Taormina, a maggior ragione deve essere tutelato» – Per il consigliere Pinuccio Composto «il lavoratore che è disoccupato e risiede a Taormina, a maggior ragione deve essere tutelato considerando le tasse che deve pagare a differenza del resto del comprensorio. Mentre Eugenio Raneri ha detto che «il vincolo da rimuovere è il secondo, perché trattasi di personale che va assunto in situazioni straordinarie». In seguito l’ex presidente del Consiglio comunale ha esternato le proprie preoccupazioni sulla Funivia: «È passato un altro anno e su Asm si è parlato poco. Sulla Funivia ho informazioni poco chiare. Facciamoci carico di stabilire, a seguito di quello detto dall’ingegnere Sottile, di quello che si deve fare alla Funivia. Il Commissario liquidatore ha pagato con degli acconti per risolvere i problemi della Funivia, ma se si continua così aggraviamo il bilancio Asm. Quando il conto è in rosso è il comune che deve intervenire».

Battibecco in Aula – Sulla stessa linea di pensiero, per quanto concerne la Funivia, il consigliere comunale del Pd Piero Benigni: «Sono preoccupato sulle condizioni della Funivia. Il 27 marzo è l’ultima data per ripristinare il servizio. Le strutture alberghiere, in quel periodo di Pasqua, ripartiranno. Il mio riferimento, però, è a tutta la frazione di Mazzarò che deve poter usufruire di quel servizio. Mi auguro che il Commissario, in tempi molto brevi, faccia tornare l’azienda alla sua funzione, ovvero creare servizi per la città». Sta di fatto che l’Aula, con 6 voti favorevoli, 6 contrari e un astenuto, ha respinto l’emendamento di Carmelo Valentino che «puntava a consentire l’accesso al lavoro per tutti ed evitare il riproporsi di situazioni farraginose e comportamenti forieri di conflittualità nonché di assunzione di personale non rispondente e aderente alle funzionalità di Asm». Ma nel testo cassato c’è un passaggio che ha fatto arrabbiare Carmelo Valentino, al punto di affermare, nei riguardi della maggioranza, che «se dovesse esserci un giovane che potrebbe fare un corso di formazione gratuito, non lo potrà fare. Complimenti». Già, perché tramite l’emendamento si impegnava l’Asm a organizzare dei corsi di formazione gratuiti da tenere nel periodo compreso tra novembre e febbraio nei settori Funivia come agenti di stazione, parcheggi come cassieri e parcheggiatori.

© Riproduzione Riservata

Commenti