Eligio Giardina sindaco di Taormina
Eligio Giardina sindaco di Taormina

La politica e la programmazione turistica – Nell’ultima seduta del Consiglio comunale era stato l’esponente della maggioranza, Salvo Brocato, a parlare di programmazione turistica e aveva invitato la giunta a muoversi il prima possibile: «Siamo al giro di boa. Dobbiamo fare la programmazione turistica, serve fare il punto della situazione. Ci sono alcune cose che non quadrano. Se le presenze ai parcheggi non hanno dato i risultati che si aspettavano e lo stesso vale per gli alberghi, c’è qualcosa che non funziona». Un invito, del resto, che in questi ultimi mesi era stato rivolto dalla presidente della Quarta Commissione consiliare sul Turismo, Alessandra Caltabiano, che aveva chiesto un tavolo tra le parti interessate per «rilanciare un progetto di marketing e di sviluppo turistico e commerciale della nostra città». Sul turismo, nelle ultime sedute consiliari, era intervenuto anche Piero Benigni, che aveva chiesto all’amministrazione di stringere i tempi su una tematica vitale per la città di Taormina.

Le sollecitazioni degli albergatori – La programmazione turistica intesa come imperativo categorico per la città della provincia di Messina, era stato anche il concetto espresso da due albergatori di Taormina. Si tratta del presidente dell’associazione albergatori e vicepresidente Federalberghi Sicilia, Italo Mennella, e Sebastiano De Luca, presidente di Confindustria Alberghi e Turismo Taormina. Il primo aveva fatto notare come «a fianco di Taormina crescono i concorrenti, come Siracusa e Ragusa dove c’è programmazione e arrivano gli investitori. Taormina, invece, continua a scimmiottare i centro commerciali» e aveva aggiunto che a livello locale il comune di Taormina non ha fatto capire le sue intenzioni. L’assessore al Turismo, Salvo Cilona, non ha ancora convocato le parti. Si sta perdendo troppo tempo, perché dovremmo avere un programma a tre anni e un altro a cinque o sei anni».

Eligio Giardina: «Ricostruire l’Osservatorio sul turismo» – Mentre Sebastiano De Luca aveva invitato a «una maggiore sinergia tra pubblico e privato». Nel frattempo il sindaco di Taormina, Eligio Giardina, dovrebbe incontrare nei prossimi giorni gli albergatori della città. Sul tavolo dell’amministrazione comunale, a tal proposito, c’è «l’intenzione di ricostruire l’Osservatorio sul turismo». In seguito, una volta formato l’organo, si dovrà «programmare su come utilizzare, insieme all’amministrazione, i fondi della tassa di soggiorno e incrementare l’attività turistica del comprensorio taorminese», ha detto il primo cittadino.

© Riproduzione Riservata

Commenti